Cerca nel blog

domenica 17 luglio 2016

Zanotta: all'asta il tavolo Fenice per l'American Italian Cancer Foundation


Zanotta a New York insieme a Fondazione Altagamma per il lancio della videoinstallazione Panorama.

E una Charity Auction per l'American Italian Cancer Foundation

All'asta il tavolo Fenice ri-edizione di Piero Bottoni



Un momento emozionale di presentazione e rappresentazione a 360 gradi della bellezza italiana di Natura, Cultura e Manifattura. Ma non solo, anche una forte valenza sociale, con una Charity Auction.

Questo e molto altro ancora fino al 20 luglio nella Grand Central Terminal di New York (evento iniziato lo scorso 25 giugno)

Zanotta, tra i soci fondatori di Altagamma che ha tra i suoi obiettivi la divulgazione e la difesa del savoir faire italiano nel mondo, è particolarmente orgogliosa di essere tra i promotori del video Panorama, già mostrato in Italia per EXPO2015, che per l'evento in America è stato abbinato ad un'asta benefica online il cui ricavato verrà devoluto all'American Italian Cancer Foundation.

Una finalità importante per la quale è stato deciso di donare un prodotto altrettanto importante: il numero 1 della serie numerata del tavolo Fenice, disegnato da Piero Bottoni nel 1936 per Villa Muggia, ri-editato da Zanotta nel 2016.

Un tavolo, la cui riedizione cela una profonda ricerca nell'ambito dei materiali innovativi e delle nuove tecnologie per realizzare un progetto dai grandi volumi ma dal peso contenuto.

Il tavolo Fenice è uno dei 62 prodotti o servizi messi a disposizione dagli Associati della Fondazione Altagamma.

Per partecipare all'asta: www.panoramaforcharity.org

Guarda il Trailer: https://youtu.be/MlPLpxoDNVo

Grand Central Terminal di New Your, aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00, fino al 20 luglio

In occasione del Salone del Mobile 2016, grazie ai disegni originali conservati presso il Politecnico di Milano e messi a disposizione dall'Archivio Bottoni, Zanotta ricostruisce e mette in produzione Fenice, il primo tavolo moderno a gamba centrale, disegnato nel 1936, vent'anni prima dell'apparizione di tavoli con un supporto simile nei cataloghi di arredamento.

Piero Bottoni (1903-1973), uno dei più originali maestri dell'architettura italiana, fece costruire la prima versione di questo tavolo in cemento armato gettato in opera, saldamente ancorato al pavimento della sala da pranzo di Villa Muggia a Imola. Benché la villa sia stata bombardata durante la seconda guerra mondiale e sia oggi in rovina, il tavolo, vero cuore della casa, è ancora al suo posto, a testimoniare come certe opere di avanguardia siano capaci di sfidare il tempo.

L'architetto ne riprese tre volte il disegno, cambiando materiali e proporzioni, ma mantenendo sempre intatta l'idea originale. Per l'arredamento di due abitazioni private, negli anni Quaranta, fece realizzare il tavolo in legno, rispettivamente in noce e in pero; la versione estrema dello stesso progetto, di quattro metri di lunghezza, venne realizzata interamente in cemento ed esposta alla IX Triennale di Milano del 1951. Di quest'ultimo tavolo, sorprendente virtuosismo scultoreo, dimostrazione delle capacità della manodopera italiana, sopravvive soltanto il modello in scala conservato presso l'Archivio.

Oggi Zanotta, dopo lunga ricerca, mette finalmente in produzione Fenice utilizzando le più avanzate tecnologie: resina cementizia per la superficie che riproduce la fisicità del disegno originale, e Polimex ® per la struttura interna.

E' proprio quest'ultimo composto polimerico che, mentre sta rivoluzionando la produzione di imbottiti e schiumati, è stato individuato dall'azienda come chiave per risolvere industrialmente il progetto del tavolo: l'anima portante risulta così molto leggera, eco-sostenibile, altamente prestazionale nell'assumere le forme e le dimensioni importanti che Piero Bottoni aveva sognato e tradotto con i mezzi a lui contemporanei.




--

www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

FEED

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI