Cerca nel blog

giovedì 4 agosto 2016

Haier accelera l’offensiva sui mercati europei con la "Zero Distance"

Ad un anno dall'arrivo di Yannick Fierling alla guida delle operazioni europee, nel primo semestre del 2016 il marchio registra in Europa un tasso di crescita del 25% e si conferma leader di mercato



L'apertura di un sito nuovo produttivo in Russia, l'arrivo di numerosi prodotti premium, l'acquisto della divisione elettrodomestici di General Electric, la riorganizzazione del top management europeo… e, per la prima volta nella sua storia, il lancio di una campagna di comunicazione paneuropea, coerente alla strategia chiave della "distanza zero con il consumatore".

Una serie di indizi sulle profonde trasformazioni che negli ultimi 15 mesi hanno cambiato il volto di Haier in Europa e incrementato il peso del marchio anche al di fuori dei mercati asiatici.

Una strategia incentrata sulla prossimità con il consumatore
Fin dalla sua nascita nel 1984, Haier ha sempre prestato grande attenzione ai bisogni e alle aspettative dei consumatori, traendo da essi l'ispirazione per sviluppare e produrre tutte le sue nuove soluzioni. Una filosofia che si è tradotta nella definizione di una "distanza zero" tra l'azienda e i suoi utenti.

"Quando, poco più di un anno fa, sono arrivato alla guida di Haier Europe, mi sono posto l'obiettivo di acquisire nuove quote di mercato, di rafforzare il nostro posizionamento in relazione a concorrenti già consolidati sul continente e di aumentare l'aderenza del marchio alle esigenze del consumatore europeo", ha dichiarato Yannick Fierling, CEO di Haier Europe.

Tali ambizioni si sono rapidamente concretizzate in misure che hanno interessato una riorganizzazione delle risorse umane, un ulteriore sviluppo della dimensione industriale, di quella commerciale e delle strategie di marketing.
 

Ø Per aumentare la produttività: una riorganizzazione del Top Management europeo
Al fine di accelerare i processi di decision making, Haier ha riorganizzato il proprio top management per i principali mercati europei, nominando alcuni nuovi direttori regionali (Francia/Svizzera, Europa del Sud, Europa del Nord ed Europa dell'Est). Così facendo ha ottenuto notevoli progressi in termini di reattività e produttività. "Credo che il capitale umano sia un fattore fondamentale all'interno di una qualsiasi azienda: si tratta di nomine che vanno nella direzione di costruire, in Europa, una struttura manageriale che funzioni come un'azienda a sé stante e che sia a sua volta integrata in una grande multinazionale", ha sottolineato Yannick Fierling. 

Ø  Apertura di un nuovo sito produttivo e di un secondo centro di R&S in Europa
Nell'aprile del 2016 Haier ha aperto a Naberezhnye Chelny, in Russia, un nuovo stabilimento produttivo: 24 500 m2 dedicati alla produzione di apparecchi per la refrigerazione. Impiegando più di 500 persone, alle quali si aggiungono 1 200 posti di lavoro generati grazie alle attività esternalizzate, questa fabbrica produrrà subito 250 000 unità (che diverranno in seguito 500 000). "Il nuovo stabilimento accrescerà la nostra produttività, ci renderà più reattivi di fronte alle esigenze del mercato europeo e ci consentirà di rispondere con maggiore efficacia alle scadenze sempre più corte imposte dalla distribuzione. Nonostante le nostre fabbriche cinesi siano in grado di soddisfare la quasi totalità della domanda europea, desideriamo comunque essere più competitivi in termini di flessibilità logistica", ha affermato Yannick Fierling. Haier intende inoltre aprire un nuovo centro europeo di R&S, che si aggiunge a quello già attivo a Norimberga, in Germania.

Ø  Un'ampia gamma di prodotti pensati per semplificare la vita quotidiana
A partire dal 2015 Haier ha moltiplicato il lancio di prodotti pensati per semplificare la vita degli utilizzatori e offre oggi ai suoi clienti una gamma di soluzioni rispondenti ad una vasta varietà di bisogni e aspettative. Per esempio, il marchio propone una serie di frigoriferi dotati del cassetto congelatore più grande sul mercato oppure una lavatrice a doppio cestello, capace di gestire due differenti cicli di lavaggio. Un piano di diversificazione dell'offerta prodotto che include, tra le altre cose, anche alcuni innovanti sistemi di riscaldamento e di climatizzazione per uso domestico (con o senza Wi-Fi).

Una campagna di comunicazione paneuropea originale ed ambiziosa

Cliccate sull'immagine per visualizzare il video della campagna Haier «Zero Distance»



Per meglio posizionarsi sul mercato, Haier, come del resto ogni altra marca, ha bisogno di crescere in notorietà. "Senza conferire un'immagine ben identificabile al marchio, un'azienda non è competitiva, e senza un marchio riconoscibile, risulta impossibile accrescere la propria notorietà", ha spiegato Yannick Fierling.

Per la prima volta nella sua storia, a partire dal maggio scorso, Haier ha lanciato una campagna pubblicitaria paneuropea costruita attorno al concetto di "distanza zero con i consumatori". Il gruppo ha scelto i principali canali televisivi nazionali (le reti Mediaset in Italia) per valorizzare il proprio savoir-faire sul mercato degli elettrodomestici. Riscuotendo grande successo, lo spot "Zero Distance" è stato anche lanciato in una versione per il web che ha totalizzato per il momento già 8 milioni di visualizzazioni su YouTube e che, nel primo semestre, ha contribuito ad aumentare del 25% il traffico sul sito internet ufficiale.

Grazie alla strategia della "Zero Distance", Haier si presenta oggi in Europa come uno dei principali attori di un mercato sul quale lancia un'importante sfida. Una dinamica di espansione in piena evoluzione confermata anche dal recente acquisito della divisone elettrodomestici di General Electric e il gruppo conta oggi 72 000 impiegati e 9 centri di R&S in tutto il mondo (rispetto ai 60 000 dipendenti e ai 5 centri del passato).

"Con questa acquisizione sono convinto che la crescita del marchio in Europa sarà ancora più rapida, di pari passo con una sempre maggiore implementazione della nostra missione principale, ovvero la definizione di una "distanza zero" con i consumatori", ha concluso Yannick Fierling.


* Fonte: Euromonitor International Limited 2015. Volumi di vendite al dettaglio.


Haier è il numero uno al mondo tra le marche di elettrodomestici con una quota di mercato del 9,8% (Fonte: Euromonitor International Limited 2015, volumi di vendite al dettaglio). Il Gruppo propone ai consumatori in Cina e in oltre 165 paesi nel mondo il suo impegno nei confronti della qualità dei prodotti e del rispetto per l'ambiente. Il Gruppo Haier conta 66 società commerciali, 143 330 punti vendita, 33 stabilimenti produttivi, oltre a 72 000 dipendenti nel mondo. 

Il Gruppo persegue l'eccellenza in materia d'innovazione attraverso i suoi 9 centri di R&S e i prodotti che escono dalle sue fabbriche sono progettati per incontrare i gusti e le esigenze dei consumatori nei diversi mercati locali. Haier è specializzato nello sviluppo della tecnologia LED e nella produzione e commercializzazione di una vasta gamma di prodotti durevoli. Per quanto riguarda in particolare il mercato europeo: televisori, frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici, climatizzatori, elettronica di consumo e tecnologie a risparmio energetico. 

Nel 2015, il fatturato totale di Haier ha raggiunto i 30,3 miliardi di dollari. Inoltre, Haier Electronics Group Co. Ltd. (HKG: 1169), una filiale del Gruppo Haier, è quotata alla borsa di Hong Kong. Qingdao Haier Co. (SHA: 600690), altra filiale del Gruppo, è quotata alla borsa di Shanghai.

Per maggiori informazioni, visitate il sito: www.haier.com/it

Nessun commento:

Posta un commento

FEED

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI