Cerca nel blog

lunedì 7 novembre 2016

Pellet per termocamini: come scegliere il migliore?

L’approssimarsi dell’inverno e delle sue temperature più rigide costringerà tutti gli italiani che da tempo hanno scelto il pellet come combustibile per il proprio riscaldamento a farne una buona scorta.

La scelta non è vantaggiosa solo per le proprie finanze e per il comfort dell’appartamento, ed analizzeremo più avanti questi aspetti: è anche una precisa presa di posizione basata sull'eco-responsabilità, perché il pellet proviene da fonti interamente rinnovabili ed anzi è molto spesso prodotto con “scarti” di lavorazione o segatura, il che non implica affatto che sia un prodotto scadente, ma anzi vuol dire che si è trovato un metodo “smart” per non gettare via e sprecare tutto il cosiddetto sfrido, l’inevitabile residuo della lavorazione del legno.


Il pellet è pertanto a tutti gli effetti un prodotto virtuoso, che riutilizza e così valorizza materiali che un tempo erano semplici scarti di lavorazione ed oggi invece restano in circolazione fino alla fine.

Fatta questa premessa, è importante anche sapere che sono gli stessi produttori e fornitori di questa fonte di energia sostenibile ad essersi assunti precise responsabilità, sia in fase di approvvigionamento di materie prime necessarie per produrre gli speciali cilindretti, sia in fase di loro lavorazione.


I pellets sono il carburante appositamente studiato per le stufe a pellet e per numerosi tipi di termocamini, strumenti che vogliono e riescono perfettamente ad eliminare la dipendenza dei nostri appartamenti dai combustibili fossili, perché sono in grado non solo di riscaldare a dovere ed in maniera uniforme gli ambienti, ma anche di produrre acqua calda per gli usi sanitari.

Come qualsiasi processo di combustione, anche bruciare del pellet (al pari del cippato di legno) genera residui, ma la tecnologia ha studiato metodi altrettanto virtuosi per eliminare gli inconvenienti legati alla fuliggine o alla cenere.

È però indispensabile per la nostra salute che il pellet provenga da fonti certe e certificate, in primo luogo con una lavorazione basata sulle più appropriate temperatura e pressione, le caratteristiche necessarie per far agire la lignina, un polimero già naturalmente presente nel legno, l’unico legante che deve tenere assieme e rendere compatto il prodotto finale; lavorazioni fatte in economia ed in sprezzo della qualità e del benessere, per velocizzare i tempi fanno uso di temperature non idonee ed anche di resine, collanti o vernici: tutte sostanza tossiche in fase di combustione, e che per di più rendono il pellet molto meno performante, per cui a parità di quantità il calore generato sarà nettamente inferiore!
Non finiscono qui gli inconvenienti: un pellet economico perché scadente rischia di mandare in blocco i sistemi di sicurezza della caldaia, perché produce più cenere del dovuto!

Sono sufficienti questi piccoli, semplici accorgimenti per assicurarsi il giusto benessere senza incorrere in alcun rischio: quello migliore è senza dubbio il pellet derivato da conifere (per intenderci, l’abete!) ed è importante che sia certificato EN Plus, nel rispetto di tutte le normative di sicurezza e di bioresponsabilità.


Nessun commento:

Posta un commento

FEED

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI