Cerca nel blog

venerdì 16 dicembre 2016

Himalayan Undyed di Bartoli Design per Nodus Rug Tappeti in lana himalaiana, 100% naturali ed ecologici

Himalayan Undyed è una collezione di tappeti dal design contemporaneo, prodotti in Nepal con una lavorazione antica, nel rispetto della tradizione e con una gestione totalmente ecologica e naturale, per offrire la possibilità di apprezzare la bellezza della vera lana.
 
Bartoli Design, ispirandosi alla natura e alla tradizione culturale di questi luoghi, ha disegnato per Nodus Rug Terai, Lhotse, Annapurna e Wangden, quattro modelli caratterizzati da segni che richiamano la terra, la sabbia, le rocce, gli usi e i costumi delle montagne himalaiane.

La storia degli Himalayan Undyed inizia dunque sugli altipiani tibetani e nepalesi, a 5.000 metri, dove le greggi vengono allevate in libertà da nomadi che si spostano di luogo in luogo, tra ampie alture, senza esaurire le risorse dei terreni, il cibo principale degli ovini, ovvero carice a altri cespugli.

La razza di pecore tipica di questi altipiani produce un vello folto, resistente, con fibra molto lunga, ricco di lanolina e di lipidi. Una lana soffice, che non richiede ammorbidenti; un prodotto naturale al 100% che non necessita di spray antiparassitari, ormoni, pesticidi sintetici e ingegneria genetica.

Tutti i tappeti Himalayan Undyed sono realizzati nei colori naturali delle pecore tibetane con le loro sfumature che variano dal bianco crema ai marroni fino quasi al nero.
Per tutte queste ragioni, la collezione di tappeti dura a lungo e mantiene intatta nel tempo la propria bellezza.

Come spiega Bartoli Design: “Questa è stata un’esperienza completa di progettazione, nella quale l’essenza del progetto nasce dall’essenza del materiale ed il concept iniziale si è totalmente identificato nel prodotto finito. Sedersi o sdraiarsi su questa lana fa apprezzare pienamente la sua naturalezza, si può sentire il suo profumo”.

Terai: le gradazioni di colore della lana naturale himalaiana, dall’avorio al marrone intenso, rimandano alle tonalità delle terre. Il pelo degli animali si colora in profondità anche dei pigmenti che si trovano nel terreno. 

In questo progetto abbiamo lavorato sull’affinità delle lane “undyed” con la terra e i suoi colori. La lana cardata e tagliata che compone la superficie del tappeto ha la texture della terra smossa. Le linee del terreno coltivato, arato, le ombre create dalla terra hanno ispirato l’idea. La personalità della lana emerge nelle texture e nei rilievi pronunciati”.

Lhotse: il nodo tibetano con alternanza di bouclè e di nodo tagliato a velluto, creano una composizione decorativa che interpreta la geometria delle fratture di un terreno roccioso. Il disegno su lane monocolore di diversa altezza produce un gioco di luci ed ombre. Il perimetro del tappeto, ad esagono irregolare o trapeziodale, rafforza il disegno interno e si ispira alle sagome a trapezio dei tradizionali tappeti tibetani usati per coprire le selle in cuoio.

Annapurna: le delicate sfumature delle lane himalaiane sono interpretate con un pattern che richiama il terreno arido e i detriti rocciosi della catena himalaiana. Tre toni di colore riempiono i diversi campi a forma di parallelogramma.

Wangden: sono tappeti da seduta e meditazione usati nei monasteri tibetani, caratterizzati da una folta frangia sui quattro lati che esalta la morbidezza delle lane. Sia la forma quadrata, sia quella allungata sono state interpretate con un disegno a linee ondulate che sottolinea il movimento fluido delle frange e il concetto di unione tra lati contrapposti.

Nessun commento:

Posta un commento

FEED

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI