Cerca nel blog

lunedì 29 febbraio 2016

ALIVAR alla fiera di Kiev KiFF 2016

ALIVAR conferma la partecipazione insieme al rivenditore Group Interiors
alla Fiera Internazionale del Mobile di Kiev KiFF 2016.



ALIVAR, insieme al rivenditore Group Interiors, partecipa dal 9 al 12 marzo 2016 alla Fiera Internazionale del Mobile di Kiev (Kiev International Furniture Forum) - Stand 4/23.
 

KiFF è la più grande esposizione fieristica dedicata al mondo dell'arredo dai mobili all'illuminazione, dagli accessori ai complementi, organizzata in territorio ucraino che si terrà proprio nella capitale di Kiev presso il Centro Fieristico KievExpoPlaza(Kiev, Salyutna 2B).

L'azienda continua ad investire in esposizioni in Italia e soprattutto all'estero, aperture di showroom e iniziative volte a consolidare la presenza del brand a livello internazionale.

Oggi ALIVAR è infatti un'icona del design italiano, per la qualità dei prodotti, la selezione dei materiali, la cura del dettaglio e la cultura del progetto che permette alla realtà toscana di continuare ad espandersi in nuovi mercati.

La crescita commerciale coincide con l'aumento della collezione aziendale, sempre più ampia e diversificata, con soluzioni per ambienti residenziali e contract, settore decisamente strategico per ALIVAR che ha all'attivo centinaia di forniture di alto livello sparse per il mondo.

In fiera a Kiev verranno esposti tanti prodotti per la zona giorno e notte: il letto Suite con i complementi Inside, i tavolini Sirio, il mobile Tratto Bar, la libreria Shanghai, le sedute Flexa, Céline e Carol, il tavolo Board e il divano Swing.

Tutti questi articoli sono disegnati dall'Architetto Giuseppe Bavuso che firma l'intera collezione Home Project dell'azienda.

www.alivar.com


--
www.CorrieredelWeb.it

Bonus Mobili: un’opportunità se ristrutturi casa

Grazie alla nuova Legge di stabilità, detrazioni fiscali fino a 10.000 euro per l’acquisto di mobili destinati a unità abitative oggetto di ristrutturazione.

Un aiuto in più da Accademia del Mobile, azienda italiana di punta nell’arredamento in legno massello, che offre il rimborso IVA, il montaggio e il trasporto a chi decide di acquistare un soggiorno o una camera da letto (fino al 15 Marzo).


Stai rinnovando casa? Approfittane per cambiare anche il tuo arredamento!

Con la Legge di Stabilità 2016, infatti, coloro che usufruiscono della detrazione per interventi di recupero edilizio possono fruire di un’ulteriore riduzione d’imposta – una detrazione Irpef del 50% - per l’acquisto di mobili destinati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione, anche parziale.

La detrazione spetta per le spese che verranno sostenute fino al 31 dicembre 2016 per l’acquisto di mobili nuovi e di grandi elettrodomestici in classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni). Può beneficiare del bonus anche chi ha avviato i lavori a partire dal 6 giugno 2013.

Una grande occasione per rinnovare letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze fino ad un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro per ogni unità abitativa oggetto di ristrutturazione.


Legno massello: ancora più risparmio con la detrazione IVA

Un’ulteriore iniziativa mirata a rilanciare il settore dell’arredamento è promossa da Accademia del Mobile, realtà storica in Italia nell’ambito dei mobili in legno massello che offre un doppio risparmio a coloro che vogliono rinnovare la zona living o la camera da letto:

al Bonus Mobili, l’Azienda veronese aggiunge, infatti, il rimborso dell’IVA (22%) per ogni acquisto effettuato, oltre a regalare il montaggio e il trasporto degli arredi.

L’iniziativa è valida in tutta Italia fino 15 Marzo 2016 presso i rivenditori che aderiscono all’iniziativa (www.accademiadelmobile.it)

Da MCE una guida agli incentivi per lavori di ristrutturazione

Aspettando MCE 2016
MCE Mostra Convegno Expocomfort, dal 15 al 18 marzo alla Fiera di Milano

Interventi di efficienza energetica in casa: ecco come orientarsi tra gli incentivi possibili

In un anno una famiglia italiana spende, mediamente, 1.500/2.000 euro per riscaldare e raffrescare l'abitazione. Una voce pesante sul bilancio delle famiglie che può essere abbattuta del 50% con interventi finalizzati all'efficienza energetica (dati Legambiente) . A sostegno di questo tipo di azioni, fino al 31 dicembre 2016, è possibile usufruire di alcuni incentivi che consentono di risparmiare su interventi volti al risparmio energetico in casa, sugli acquisti di caldaie, pompe di calore o sistemi con solare termico, ma anche su interventi di ristrutturazione ordinaria o straordinaria.

Ma orientarsi nel panorama normativo degli incentivi non è sempre così semplice. Per questa ragione, MCE Lab, l'osservatorio sul vivere sostenibile promosso da MCE – Mostra Convegno Expocomfort (Fiera Milano, 15 -18 marzo 2016) ha deciso di tracciare un quadro sintetico che possa aiutare i consumatori nel difficile puzzle legislativo dell'efficienza energetica. Ecco dunque un elenco degli incentivi e le modalità grazie a cui usufruirne:

·       DETRAZIONI IRPEF 65% su interventi di riqualificazione energetica
Chi ha in piano di effettuare nel 2016 interventi volti ad aumentare l'efficienza energetica di abitazioni o spazi condominiali, può usufruire del cosiddetto Ecobonus.
L'incentivo in questo caso consiste in una detrazione IRPEF pari al 65% delle spese sostenute, da scaricare in dichiarazione dei redditi attraverso una suddivisione in rate di egual importo e in massimo 10 anni.

Gli interventi che godono di questa agevolazione sono:
ü  Riqualificazione globale su edifici esistenti, ovverotutti gli interventi che permettano di conseguire un miglioramento del fabbisogno annuo di energia per la climatizzazione invernale inferiore ai limiti fissati. Il tetto massimo detraibile di 100.000 euro (65% di circa 154.000 euro).
ü  Interventi sull'involucro che consentono di migliorare l'isolamento termico e mantenere la temperatura all'interno dell'edificio. In questo caso, il tetto massimo detraibile è di 60.000 euro (65% di circa 92.000 euro).
ü  Installazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria, Il tetto massimo detraibile è di 60.000 euro (65% di circa 92.000 euro).
ü  Sostituzione (parziale o totale) di impianti termici. In particolare, l'incentivo riguarda la sostituzione di caldaie esistenti con caldaie a condensazione o con generatori di calore a biomasse, l'installazione di pompe di calore ad alta efficienza e di impianti geotermici a bassa entalpia, la sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore. E' incentivata con la detrazione anche la trasformazione di impianti autonomi in impianti centralizzati con contabilizzazione del calore. Il tetto massimo detraibile di 30.000 euro (65% di circa 46.000 euro).
ü  Acquisto e posa in opera di schermature solari. Il tetto massimo detraibile di 60.000 euro (65% di circa 92.000 euro).
ü  Acquisto, installazione e posa in opera di sistemi domotici. Questa detrazione, novità introdotta dal 2016, riguarda i dispositivi multimediali in grado di controllare da remoto gli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda sanitaria e di climatizzazione degli edifici, con lo scopo di aumentare la consapevolezza dei consumi energetici da parte degli utenti e di garantire una maggiore efficienza di funzionamento degli impianti. Sono inoltre detraibili tutte le spese inerenti ai lavori, quindi anche i costi delle opere edili, delle prestazioni professionali relative alla progettazione e al rilascio della certificazione energetica necessaria per la fruizione dell'incentivo e per la realizzazione degli interventi e i costi amministrativi.

Per usufruire di questa detrazione è necessario effettuare tutti i pagamenti tramite bonifico bancario o postale. In caso di interventi su parti comuni di edifici residenziali, tutti quelli che non potrebbero usufruire delle detrazioni perché hanno redditi molto bassi e quindi con IRPEF azzerata, possono cedere l'ecobonus alla ditta che esegue i lavori in cambio di uno sconto.

·       CONTO TERMICO
Chi ha in programma interventi volti al miglioramento dell'efficienza energetica in un edificio già esistente, compresa la sostituzione di impianti di climatizzazione o scaldacqua obsoleti, può usufruire degli incentivi previsti dal nuovo Conto Termico (700 milioni sono destinati ai privati e 200 milioni alle PA). In questo caso l'incentivo consiste in un rimborso di parte della spesa effettuata, tramite bonifico bancario erogato dal GSE.

Più in dettaglio, gli interventi per cui i privati possono accedere agli incentivi del Conto Termico sono:
ü  la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti e/o di scaldacqua elettrici con impianti, anche combinati per la produzione di acqua calda sanitaria, dotati di pompe di calore;
ü  la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti dotati di generatore di calore alimentato da biomassa;
ü  l'installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e/o ad integrazione dell'impianto di climatizzazione invernale, anche abbinati a sistemi di solar cooling. (Solo in questo terzo caso l'edificio in cui si effettua l'intervento può anche essere di nuova costruzione).

·       DETRAZIONE 50% IRPEFper interventi di ristrutturazione edilizia
Un'altra agevolazione a disposizione di chi quest'anno ha in programma interventi sulla propria abitazione è la detrazione del 50%, che si estende anche a lavori di ristrutturazione non volti a migliorare l'efficienza energetica dell'immobile. Questo incentivo consiste nella detrazione dall'Irpef il 50% delle spese sostenute per un massimo di 96.000 euro, suddivisa in 10 quote annuali di egual importo a partire dall'anno in cui vengono eseguiti i lavori.
Rientrano quindi in questo bonus:
ü  interventi volti a realizzare opere finalizzate al risparmio energetico convenzionale (ad esempio l'acquisto di impianti fotovoltaici, l'adeguamento degli impianti a gas esistenti, la sostituzione di un vecchio generatore di una caldaia convenzionale con un generatore ad alto rendimento)
ü  interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria
ü  le spese per la progettazione degli interventi, quelle relative alle prestazioni lavorative per la realizzazione delle opere, per l'acquisto dei materiali, per perizie tecniche e relazioni di conformità, per l'IVA e per il rilascio di autorizzazioni.

Questa detrazione non è cumulabile, su uno stesso intervento, con altre agevolazioni (come ad esempio l'Ecobonus per interventi previsti da entrambi gli incentivi). Per usufruire di questo bonus è necessario effettuare tutti i pagamenti tramite bonifico bancario o postale.

·       BONUS MOBILI
Chi ristruttura casa e usufruisce delle detrazioni del 50%, ha a disposizione anche il bonus mobili: una detrazione IRPEF del 50% della spesa effettuata per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici dalla classe A in poi (A per i forni, A+ per tutti gli altri elettrodomestici). Questo bonus non è invece disponibile per chi sceglie di usufruire dell'Ecobonus. Anche in questo caso, per accedere all'incentivo è necessario prestare attenzione alla modalità di pagamento: bonifico bancario o postale, carta di credito o carta di debito. Non è possibile invece utilizzare assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

·       IVA AGEVOLATA AL 10%
Chi decide di eseguire interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria, ristrutturazione o interventi di restauro e risanamento conservativo di immobili residenziali già costruiti può godere di un ulteriore beneficio fiscale, abbinabile alle agevolazioni precedenti: l'IVA agevolata sulle prestazioni di servizi. Sul costo della ditta che esegue i lavori, compreso la fornitura di materiale da parte della ditta stessa, si applica quindi l'IVA ridotta al 10 %, che scende invece al 4% quando gli immobili sono nuove costruzioni non di lusso.


--

domenica 28 febbraio 2016

MILANO DESIGN WEEK 2016: NOMI E VOLTI DELLE NOVITÀ

THONET GmbH
Jorre van Ast - Designer Tavolo 1060
Olandese, nato nel 1980, studia design del prodotto industriale all'Università di scienze applicate dell'Aja e al Royal College of Art di Londra, diplomandosi nel 2006.  Nella capitale britannica lavora come designer indipendente condividendo lo spazio dello studio collettivo OKAY.
Jorre van Ast ritiene che la maggiore sfida di un designer consista nella creazione di tipologie assolutamente inedite e che per innovare occorra utilizzare nuovi materiali o tecnologie di produzione.
Con il tavolo 1060 ha realizzato per Thonet un prodotto in grado di valorizzare l'eredità dell'azienda. "Sviluppando il progetto mi è venuto spontaneo concentrarmi su una delle competenze chiave di Thonet, la curvatura del legno massello. Ci tenevo a progettare un mobile da abbinare alle splendide sedie di casa Thonet".
Image
Image



Carl Hansen & Søn
Naja Utzon Popov - collezione tappeti Woodlines
Scultrice danese, designer di tessuti e ceramista, Naja Utzon Popov è nata nel 1973 a Copenaghen, Danimarca, in una famiglia di artisti.
Eredita la creatività dal nonno, Jørn Utzon, un architetto danese noto per avere progettato l'iconica Sidney Opera House in Australia, dalla madre, l'importante artista danese Lin Utzon e dal padre, l'acclamato architetto australiano Alex Popov.
Si è lasciata ispirare dalla natura nel progettare per Carl Hansen & Søn la nuova collezione di tappeti WOODLINES: "Si tratta di soppesare il paesaggio circostante, la natura e le persone che la abitano; devono essere considerati tutti questi tre aspetti perché il risultato sia bilanciato e senza tempo".
Image
Image



Talenti, outdoor living
Marco Acerbis - collezione Eden per Talenti
Classe 1973, dopo aver studiato architettura al Politecnico di Milano e aver vissuto a Londra lavorando per Foster & Partners, tornato in Italia apre il proprio studio di architettura e design.
Tra i vari riconoscimenti è vincitore del Good Design Award Chicago Athenaeum, due volte del Red Dot Design Award, della Menzione d'Onore al XXI° Compasso d'Oro ed  è finalista al Premio Fondazione Renzo Piano per un giovane talento.
Ha disegnato per Talenti, ourdoor living alcune delle più recenti collezioni, tra cui EDEN, una famiglia di prodotti accattivanti e dal forte impatto visivo, senza perdere l'eleganza che contraddistingue tutte le proposte di Talenti.
Image
Image


SieMatic
Mick de Giulio - collezione BeauxArts 0.2

Celebrato in USA come la "rock star of kitchen design" , Mick De Giulio è un designer fuori dal comune che con le sue nuove idee non convenzionali amplia le possibilità di creazioni altamente personalizzabili.
Da Chicago a Las Vegas, da Los Angeles alla Florida, un maestro itinerante ormai apprezzato in ogni angolo del pianeta. Con SieMatic ha realizzato rima il progetto BeauArt 0.1 e recentemente ha creato la sua evoluzione, la BeauxArt 0.2, un concept di progettazione dello spazio che permette di giocare con gli stili e di comporre elementi apparentemente contrastanti in modo elegante ed armonico.
Image
Image


USM sistemi di arredamento
atelier oï - USM Inos
Atelier oï è stato fondato nel 1991 da Aurel Aebi, Armand Louis e Patrick Reymond a La Neuveville in Svizzera. I tre fondatori sono architetti/designer nonché membri di FAS - Fédération des Architectes Suisses, e di ASAI - l'Association Suisse des Architectes d'Interieur.
Da oltre 20 anni lo studio di progettazione lavora con un approccio multidisciplinare e trasversale, dando vita a progetti internazionali di architettura, design e allestimento che hanno ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. La collaborazione con USM, la storica azienda svizzera di design, viene confermata anche quest'anno, con la nascita di un nuovo prodotto, USM Inos, e di uno scenografico allestimento in fiera.
Image

La parola agli AD!

Durante la settimana del Design sarà anche possibile scoprire e approfondire le strategie aziendali che si celano dietro al lancio di ogni novità di prodotto.

Carl Hansen & Søn - Knud Erik Hansen
Knud Erik Hansen, CEO di Carl Hansen & Søn, rappresenta la terza generazione dell'azienda danese a conduzione familiare principale produttrice al mondo di mobili progettati da Hans J. Wegner. Hansen sarà a disposizione per raccontare l'azienda e la sua storia: oltre 100 anni di arredi di qualità e bellezza senza tempo.


Inkiostro Bianco - Lorenzo Bragato
Inkiostro Bianco è un marchio, un progetto ambizioso di idee applicate alla progettualità e alla produzione di grafiche decorative per ogni superficie. La specializzazione è la produzione di superfici continue e decorativi artistici e personalizzabili che ha come obiettivo la reinterpretazione della classica carta da parati.


InSinkErator - Ashley Munden 
Managing Director Europe-Russia di InSinkErator Emerson, l'azienda che ha inventato il dissipatore, ha anche dato il suo apporto decisivo allo sviluppo del prodotto 3N1 insieme al suo team. Sarà alla Milano Design Week il 14 aprile per raccontare i segreti di questo prodottto. 


Listone Giordano e Inkiostro Bianco LabAndrea Margaritelli e Lorenzo Bragato
L'incontro tra l'eccellenza del parquet dell'azienda umbra e le meravigliose carte da parati di Inkiostro Bianco hanno dato vita all'innovativa collezione Undici, caratterizzata dal primo prototipo di parquet inciso. Andrea Margaritelli, Direttore Marketing di Listone Giordano, e Lorenzo Bragato, creativo del marchio di Sassuolo, sono a disposizione per spiegare i dettagli  del progetto. 


Novy - Massimo Baratté
National Key Account dell'azienda belga pioniera nel settore delle cappe, grazie alla sua formazione da architetto e designer, illustrerà l'eccellenza degli upgrades realizzati dal marchio e che saranno presenti dentro e fuori la fiera. Zen, Maxi Pure Line e Fusion+, tre eccellenze ancora più funzionali e in linea con la vocazione green di Novy da oltre 100 anni.


Regione Umbria - Giovanni Tarpani e Paolo Belardi
Regione Umbria, in collaborazione con ABA, Accademia di Belle Arti "Pietro Vannucci" di Perugia, sarà presente alla Milano Design Week con un'installazione site specific UMBRIA EXPERIENCE: Scorched or Blackened?, realizzata all'interno dell'Università Statale di Milano. Il progetto si inserisce nell'azione di branding territoriale che la Regione ha intrapreso dal 2010 per promuovere non solo le qualità del territorio ma anche la creatività, il saper fare artigiano, tra tradizione e innovazione, propri della regione, dove l'arte in molteplici declinazioni è fonte di ispirazione per la vita e le produzioni economiche contemporanee.
Il progettista Paolo Belardi, Direttore dell'ABA, e Giovanni Tarpani, responsabile marketing di Regione Umbria, saranno a disposizione per interviste il giorno 15 aprile 2016 in occasione della conferenza che si terrà presso l'Università Statale di Milano.


SieMaticPatrizia Lunghi
La storica azienda tedesca sarà protagonista di un evento il 13 aprile, durante il quale Patrizia Lunghi, Country Manager per l'Italia, racconterà la storia di un marchio che da sempre coniuga design e funzionalità, tradizione e modernità, con collezioni come BeauxArts 0.2 e Linea 29. Una serata imperdibile nel nuovissimo showroom di Viale Monte Santo a Milano.


Tabula - Enrico Pasa
Tabula è il nuovo progetto per la cucina, caratterizzato da flessibilità dimensionale, materica ed estetica, ideato dal designer Enrico Pasa. Il progetto verrà presentato in anterpima durante la Milano Design Week.
Sarà possibile intervistare il designer in occasione dell'evento NEL BLU DIPINTO DI BLU, dal 12 al 17  aprile, a cui parteciperanno altri importanti brand come Listone Giordano e Inkiostro Bianco. 


Talenti, outdoor living - Fabrizio e Edoardo Cameli
L'azienda umbra fondata da Fabrizio Cameli è oggi gestita dallo stesso insieme alla nuova generazione della famiglia. Fabrizio e il figlio Edoardo Cameli, che lo affianca nella conduzione della società, saranno disponibili per raccontare la storia e mission aziendale.


Thonet GmbHThorsten Muck
Thorsten Muck, Amministratore Delegato della storica azienda tedesca guidata dalla famiglia Thonet, sarà disponibile per approfondimenti relativi all'azienda più longeva della storia del design industriale.

FEED

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI