Cerca nel blog

sabato 29 aprile 2017

Riedel Crystal presenta il Decanter Amadeo Double Magnum Rainbow

Image

25.000 EURO DEL RICAVATO SARANNO DONATI ALLA ELTON JOHN AIDS FOUNDATION
Image
Aprile 2017 – Riedel Crystal è lieta di annunciare che il nuovissimo decanter Amadeo Double Magnum Rainbow sostiene la Elton John AIDS Foundation attraverso un’edizione limitata di 50 pezzi prodotti e venduti in tutto il mondo, che permetterà al marchio austriaco di devolvere alla Fondazione un ricavato di 25,000 Euro.

Elton John dichiara:

"L’arcobaleno ha così tante e meravigliose associazioni – dalla speranza e la promessa, all’integrazione e la tolleranza. Siamo estremamente lieti e onorati della scelta di Riedel di donare, attraverso questo capolavoro di cristallo, fondi per il lavoro e la ricerca della Elton John AIDS Foundation; le donazioni serviranno a promuovere la campagna contro l’HIV e a fornire gli strumenti che ci avvicineranno sempre più ad un futuro libero dall’AIDS”.  

Maximilian J. Riedel, 11^ generazione e CEO di Riedel Crystal, spiega le motivazioni che lo hanno portato alla scelta del design e dei colori del nuovo decanter:

“Noi creiamo prodotti rivolti a un segmento specifico del settore, l’arte culinaria e un lifestyle ricercato e raffinato.  Ciò nondimeno, non dobbiamo dimenticare che ci sono anche altri aspetti della vita. Oggi vogliamo guardare in faccia il lato scuro del mondo – che si tratti dei nostri stessi amici o delle notizie che sentiamo tutti i giorni. Abbiamo tutti il dovere di dare una mano e di promuovere tutto ciò che è giusto. E voglio esprimere questo mio desiderio proprio attraverso il decanter AMADEO Double Magnum”.

Amadeo Double Magnum Rainbow, soffiato a bocca nella vetreria di Kufstein e realizzato con grande perizia artigianale nei colori dell’arcobaleno, richiama l’elegante forma della lira.

venerdì 28 aprile 2017

ZEE, Water in Color!




Il marchio ZEE, lanciato nel 2012, è specializzato in accessori da giardino. Il focus dell'azienda è sulla realizzazione di prodotti attraenti e di alta qualità, che possano abbinarsi facilmente ad altri design.
Zee sta per design divertente, conveniente e sorprendente per il vostro giardino.
I prodotti ZEE sono un insieme di praticità e stile, che li rende unici. Selezionando colori moderni e volendo usare un look monocromatico, ZEE è riuscito a produrre un vero e proprio oggetto design, senza scordarsi della qualità, che resta un elemento chiave.
-      ZEE® è un concetto che si ispira allo stile di vita quotidiano. È perfetto per la gente che vuole distinguersi.
-      I prodotti ZEE® sono tutti fatti da esperti in fabbriche di produzione di alto livello.
ZEE significa MARE in olandese, ed è per questo che "Mirtoon", un mare nel Mar Mediterraneo, è stato scelto come nome del primo prodotto creato.

MIRTOON sono avvolgitori automatici per tubi da giardino e sono stati disegnati dallo studio belga di designer, Studio Dott, anche vincitore del premio belga per il design Henry Van De Velde.
Ci sono due versioni pronte all'uso: una piccola da 10 m ed una grande da 30 m. L'avvolgitore piccolo è disponibile in 4 colori a tinta unita, mentre quello grande solo in bianco o nero.
Questi avvolgitori, come tutti gli accessori, vengono messi in una busta bianca con manici per favorirne lo spostamento ed il deposito.
Il materiale di base per la produzione del rivestimento esterno è l'ABS, il quale dona un design preciso ed un aspetto di alta qualità. L'alta resistenza del colore è ottenuto dall'aggiunta di stabilizzatori UV sia nel rivestimento che nel PVC usato per gli avvolgitori.
Prezzo Mirtoon 10 m: € 149,00  IVA inclusa
Prezzo Mirtoon 30 m: € 276,00  IVA inclusa

La doccia LEVANTINE per outdoor è un prodotto architettonico realizzato per mettere ordine in una terrazza o un giardino, e per regalare un momento rinfrescante durante le calde giornate estive.
È stata disegnata da Alain Gilles per resistere alla prova del tempo, sia tecnicamente che visivamente. Un'attenzione particolare è stata prestata ai dettagli, alla comodità d'uso ed all'interazione con l'utente. Il soffione della doccia è stato studiato per creare un getto d'acqua piacevole e costante, facilmente regolabile con il suo rubinetto integrato.
Disponibile in 4 colori: bianco, nero, rosa e verde.
Prezzo: € 499,00  IVA inclusa

SIDRA è una conseguenza logica di Mirtoon, un set completo con tanti accessori. Inoltre, Sidra può mimetizzarsi o spiccare nell'ambiente circostante. La staffa di montaggio a muro è fatta di ASA per esterni altamente resistente. L'avvolgitore è fatto di PVC "REACH standards" e senza ftalati. Made in Europe!
Questo set può essere usato ovunque e fa sì che il vostro avvolgitore sia ben riposto.
La staffa di montaggio, con l'avvolgitore, in tinta unica lascia un messaggio chiaro su ogni parete.
Diventa un accessorio ideale, abbinandolo al colore della Levantine.

Prezzo: € 99,50  IVA inclusa


--

www.CorrieredelWeb.it

Lamzac(R) The Original 2.0


La Storia
Questo è il nuovo must dall'Olanda: Lamzac® the original 2.0!
Un lettino lounge da portare ovunque: riempite Lamzac® con dell'aria in pochi secondi ed avrete un comodo lettino per riposarvi. L'olandese Marijn Oomen ha avuto quest'idea nel 2010. Ha scoperto che ci vuole molto più tempo per riempire un materasso ad aria, che per svuotarlo. Ha così realizzato il primo Lamzac®: un prodotto lounge che può essere riempito d'aria velocemente e semplicemente. I tanti video dimostrativi diffusi hanno raggiunto milioni di visite. Nel marzo 2016, Marijn ha deciso di collaborare con Fatboy The Original per soddisfare la grande domanda per questo prodotto eccezionale. Questa collaborazione ha anche portato al lancio del nuovo Lamzac® The Original! Non c'è modo di sfuggirgli: Lamzac® conquista ogni parco, spiaggia, festival e… cuore!

In un attimo
Lamzac® è una confezione piccola e leggera molto semplice da portare con sé al parco, in spiaggia, alle feste o ai festival. Viaggiate molto?
Lamzac® è l'ideale per i turisti. Fate oscillare la borsa, riempiendola con dell'aria, e la vostra sessione lounge può avere inizio. L'innovativo Lamzac® vi permette di rilassarvi sul vostro lettino lounge in qualche secondo.

Buono a sapersi!


  • Dimensione del Lamzac® : L = 200 x W = 90 x H = 50 cm.
  • Peso del Lamzac® : 1.2 kg.
  • Materiale del Lamzac®: Ripstop nylon.
  • Super forte: supporta fino ai 200 kg.
  • Rivestimento impermeabile.
Prezzo: € 74,50  IVA inclusa


--
www.CorrieredelWeb.it

RockCoco 12.0



La storia
Il nuovo RockCoco 12.0 di Fatboy rimpiazza il suo predecessore RockCoco. Questa lampada è considerata il primo lampadario da esterno ed interno ed utilizza la tecnologia LED. Per dare al design esistente un tocco ancora più universale, Fatboy ha migliorato il design RockCoco. La prima versione con 10 LED è stata affinata per creare un nuovo prodotto con 12 luci: RockCoco 12.0. Il nuovo design crea più spazio, libertà ed è più equilibrato.
L'armatura trasparente del RockCoco 12.0 è rievocativo dell'elegante stile barocco del 18esimo secolo.
Questo, combinato con la forma iconica del paralume, crea una vera e propria luce da designer. Nella versione 12.0 il settore elettrico è integrato nell'armatura. Questo cambio di stile nasconde il kit del soffitto ed il trasformatore. Inoltre, i nuovi paralumi adesso hanno uno strato cromato sottilissimo.
Il risultato è una luce funzionale che brilla verso il basso. Due extra LED danno il 20% in più di luce. Anche il colore della luce è stata modificata. Una calorosa luce bianca rende RockCoco 12.0 più casalingo. Questo lampadario può essere montato con verve in ogni salone, soggiorno, roulotte o castello.

Applicazione universale
DeMakersVan, il designer olandese di RockCoco, ha mescolato lo stile di Luigi XIV a del rude Rock'n'roll. Questo dà al lampadario un aspetto decorativo e delicato, ed allo stesso tempo durevole. Volete sapere la più grande forza di questa lampada? Può essere usata sia dentro che fuori casa. Un balcone buio può diventare un set di un film del 1730. Una festa in giardino può girare attorno al lampadario. State organizzando una cena romantica sotto la luna? Mettete questo lampadario sull'albero e non avrete bisogno della luna. Nessun problema per quanto riguarda il tempo! RockCoco 12.0 è resistente ai raggi UV ed è impermeabile. Riconosciuto come il primo lampadario al mondo resistente alle intemperie, RockCoco 12.0 si monta tranquillamente sia all'esterno che all'interno.

Buono a sapersi!
•  La luce LED calorosa (2200 kelvin) fa si che questo prodotto sia meraviglioso in qualunque interno.
•  Appendete questo lampadario dove volete – è resistente agli UV ed impermeabile.
•  Godetevelo dalla comodità della vostra sedia. Usate il telecomando grigio per accendere la luce.
•  I paralumi sono fatti di uno strato sottilissimo e cromato. Il risultato è una luce funzionale che brilla verso il basso.
•  20% in più di luce con due extra LED.
•  RockCoco 12.0 ha una copertura elegante per il soffitto. Il circuito elettrico è incorporato con stile nell'armatura.
•  Materiale: policarbonato.
•  Peso: 7.25 kg
•  H = 78 cm  W = 78 cm  D = 67 cm

Prezzo: € 599,95 IVA inclusa
--
www.CorrieredelWeb.it

Bolleke: lampada LED a sospensione

La storia
Una nuova lampada si aggiunge alla collezione Fatboy: Bolleke.
Senza fili, portatile e ricaricabile. Fa luce ovunque vogliate! Il design basic dà l'opportunità a tutti i componenti elementari di prosperare. La forma tonda emblematica, quando illuminata, ricorda una perla. Grazie ai contorni livellati, Bolleke crea una luce uniforme in ogni stanza. La luce infatti è distribuita in egual modo in tutta la lampada, seguendo una tecnologia sviluppata appositamente da Fatboy. 

I morbidi bottoni in gomma siliconica si adattano sobriamente al design. Si abbinano al colore del laccio, che s'ispira al sistema ingegnoso di elastici per capelli e corde elastiche per la vela. Potete facilmente legare Bolleke come fate con i vostri capelli o con la vela di uno yacht. Bolleke si distingue in ogni contesto. Tutto ciò fa di Bolleke una lampada con stile ed intelligente che sta ovunque, a casa.

Lampada con stile ed intelligente 
Il suo carattere basic e no-nonsense fa di Bolleke un prodotto eterno ed elegante. Ma è anche forte ed avventuroso. Bolleke è senza fili, il che significa che può essere usato ovunque:


  • Bolleke crea l'atmosfera giusta a tavola
  • Illuminate il vostro posto di lavoro con Bolleke!
  • Legatelo sotto il parasole nel vostro giardino.
  • Appendetelo su un ramo accanto a quel barbecue nel parco
  • Fate posto per Bolleke sotto la vostra tenda
  • Legate la lampada al vostro zaino durante il vostro giro del mondo.

Buono a sapersi!


  • Il nome? Viene dalla forma. Una palla tonda. Questa è Bolleke.
  • Diametro della palla: 20 cm.
  • Il laccio di Bolleke è adatto ad oggetti con un massimo di circa 80 mm di diametro.
  • La custodia è fatta di HDPE. L'interno è fatto di ABS. Il laccio è fatto di una gomma siliconica forte e flessibile con rivestimento opaco.
  • Il laccio è disponibile in quattro colori: rosso, verde industriale, grigio chiaro, grigio talpa. La palla è bianca (in termini di colore, Bolleke può essere un gran abbinamento per lo Stripesol di Fatboy e la collezione Formitable XL).
  • Ricaricabile con micro USB. Fornito con un caricatore ed un cavo USB.
  • Bolleke è resistente all'acqua. Può essere appeso fuori quando piove e durante una tempesta di neve invernale. Ricordate di coprire il caricatore.
  • Bolleke ha tre diverse impostazioni di regolazione.
  • La fonte luce LED da 1 watt consuma fino a 40 volte meno energia ed ha un'autonomia 50 volte più lunga rispetto ad una lampadina. Bolleke rimane accesa per tante ore. 
Prezzo: € 79,95 IVA inclusa

--

www.CorrieredelWeb.it

Plastica: dagli scarti a pezzi di design





La plastica di scarto si trasforma in pezzi di design 

Quanta plastica viene riciclata ogni anno in Europa?

Si tratta di un dato in crescita, grazie ad una più vasta sensibilità sui temi ambientali, ma sicuramente ancora non soddisfacente.

Anche se negli ultimi anni il tasso di riciclo delle plastiche post-consumo è notevolmente aumentato, restiamo ben lontani dall'obiettivo del 55% di recupero degli imballaggi in plastica, fissato dalla Commissione Europea per il 2025.

"Guardiamoci intorno, ci sono rifiuti plastici ovunque", sottolineano i responsabili di ECO-oh!, azienda olandese da poco affacciatasi sul mercato italiano, che ricicla la plastica domestica con un'eco-efficienza del 97%, offrendo un'alternativa sostenibile – e virtuosa - all'inceneritore.


Grazie all'innovativo processo di riciclo messo in atto da ECO-oh!, gli scarti plastici si trasformano in pezzi di design, sorprendenti per bellezza e semplicità, caratterizzati da textures e forme uniche.

Tra questi, le quattro sinuose panche in poliolefina della collezione Altamira, ognuna costituita da sette elementi interconnessi, e le sedute modulari, con o senza schienale, H-bench, in 6 differenti colori.



--
www.CorrieredelWeb.it

ABLE TO Design + Art presentato da T'ABLE alla Milano Design Week 2017 | Chiostri di San Marco


T'ABLE 
per la Milano Design Week 2017 

ha presentato

ABLE TO design+art
Opere, idee, materie, abilità

Via San Marco 2 - Milano
Anche per l'edizione 2017 della Milano Design Week l'evento ABLE TO design + art, organizzato da T'able, è stato un successo di pubblico. Inserito quest'anno all'interno di San Marco Project, l'evento ha voluto in primis valorizzare un capolavoro artistico come la piazza e i chiostri della chiesa di San Marco a Brera. 
  
L'esposizione ABLE TO design + art, a cura di T'ABLE con la direzione artistica di Sabrina Cazzaniga e Marco Migliari, è stata una riflessione visiva sul valore della competenza in ambito creativo. Attraverso gli oggetti esposti e i designer, gli artisti e le aziende che hanno raccontato le loro produzioni, si è visto come l'attività artistica sia di stimolo anche alla produzione di serie, per approfondire le potenzialità dei materiali e articolare i processi realizzativi, finalizzandoli a nuove suggestioni formali. Il dialogo tra la tradizione dei mestieri e la sperimentazione del design e dell'arte è un modo per essere competitivi, attraverso la produzione di nuovi saperi.

ABLE TO design + art non è solo un gioco di parole e di pensieri intorno al concetto di abilità e di competenza. È l'abilità finalizzata alla creatività (ABLE TO …), che si rafforza nella capacità di stare insieme e di sviluppare relazioni. L'esposizione è, quindi, una riflessione visiva intorno alla sperimentazione sui materiali e sulle forme, dove l'intervento su misura è anche singolare, nel senso doppio di unico e di originale. L'arte diventa propedeutica per la produzione di serie. Rappresenta anche un modo di chiedersi quale sia l'unità di misura contemporanea, che non è solo una questione di dimensioni. Infatti l'etimologia di "misura" deriva da modus: comodo, con modo, cioè con misura. È quindi un modo per riflettere su cosa sia confortevole, non solo per il corpo ma anche per i sensi e i pensieri.

L'esposizione ha messo in scena oggetti che sono la proiezione nel presente della storia della manifattura e dell'arte e della sapienza dei territori, con la consapevolezza che non è la novità che deve predominare, ma è l'innovazione che deve condurre il gioco di forme, di funzioni e di processi. Per questo, le tipologie presenti andavano dal complemento d'arredo all'opera d'arte, dall'oggetto decorativo all'accessorio di moda. La produzione è solo esemplificativa delle competenze in atto, con la coscienza che il progetto può finalizzare le abilità verso altri risultati, in una sperimentazione che continua.

I protagonisti di ABLE TO design + art sono stati:
Eetico - Colombini Manufatti - EnjoyALL - Este Ceramiche Porcellane - Focotto - Haute Material - Hom - Impatia - Johnny Dell'Orto - Les Ottomans - Marc Ceramica Design - Massimo Boi - Mymo - Paolo Maria Russo Architetto - Prenotto - Sologioia - Un tè da matti - Tuttoattaccato - Vetrofuso  - Zed Experience

--
www.CorrieredelWeb.it

A San Carpoforo un’esperienza multisensoriale all’insegna di White. Il Bianco Benessere by Oikos.

mdw2017
Durante la Milano Design Week Oikos ha svelato in anteprima mondiale White. Il Bianco Benessere by Oikos, il culmine di un progetto di lavoro e ricerca con il colore e con la materia durato decenni. Un progetto che, con una collezione di 187 tipi di bianco con diverse finiture materiche nate da materie di riciclo, garantisce la totale assenza di elementi nocivi per l'uomo e per l'ambiente, restituendo così aria pulita ai luoghi del vivere e trasformando il Bianco da normale tinta a Colore del Benessere.
Per White in the city Oikos ha materializzato questo concetto in un’installazione esperienziale, White Benessere, realizzata dallo studio DAS 16.8 all'interno dell'ex chiesa di San Carpoforo.
Le migliaia di visitatori hanno vissuto un'immersione esperienziale, tra il reale e il surreale, in un immaginario di luoghi della vita quotidiana, dagli spazi per i bambini ai luoghi dell'ospitalità. Un percorso per sperimentare, respirare e toccare con mano materiali, oggetti, arredi, finiture e colori ecologici, spazi che si pongono come fine unico quello di farci vivere in modo salubre e sano, rispettando la nostra salute.
Un percorso che ha lasciato un'emozione ai visitatori, che hanno premiato White Ben-essere come installazione preferita di White in the city, grazie proprio al design multisensoriale in grado di offrire benessere totale e di ispirare su come poter allestire la propria casa nel ben-essere, con prodotti ecologici e con una scelta cromatica consapevole dei benefici che ne derivano.
White. Il bianco benessere by Oikos ha conquistato la Milano Design Week tingendo di un solo colore le location più prestigiose della città.
Nelle prossime newsletter le immagini delle altre location. 
>> leggi altro
GALLERY
mdw 2017

Catalogo 2017 di Arteclima. L¹azienda presenta le nuove collezioni per il comfort termico

L'innovazione raggiunta da Arteclima e l'ampliamento delle sue produzioni dedicate al benessere termico, in tutte le sue accezioni, sono presentate all'interno del nuovo Catalogo Listino 2017. 

Infatti, la pubblicazione annovera le tecnologiche collezioni progettate dall'azienda nel segno dell'efficienza energetica, con un'attenzione particolare al risparmio e, al tempo stesso, volte a fornire soluzioni esteticamente appaganti.

Ad esempio, viene illustrata l'innovativa gamma di prodotti wireless e con tecnologia wi-fi, mirata a soddisfare efficacemente le diverse esigenze del cliente nel settore del controllo della temperatura e della climatizzazione in remoto. 

Un'ampia sezione del catalogo viene riservata alla collezione "Thermodesign" - la linea per termoarredo di Arteclima - sempre più ricca, grazie alle nuove valvole ed ai relativi accessori e maggiormente mirata alla personalizzazione dell'ambiente con una gamma ancora più articolata di finiture superficiali tra cui è possibile optare. 

Inoltre, con un occhio di riguardo agli installatori e - con l'intento di fornir loro uno strumento di supporto diretto ed efficace – Arteclima ha migliorato ed ulteriormente ampliato la parte di catalogo che propone le schede tecniche dei prodotti.

Il catalogo è sfogliabile e scaricabile on line all'indirizzo web: 
www.arteclima.eu

Corner set Mondello di Greenwood. Perfetta armonia tra stile e praticità


I volumi e le dimensioni generose che caratterizzano l'accattivante composizione sono ideali per arredare con sobrietà e stile l'outdoor e, al tempo stesso, creare un angolo dedicato al relax.
 
Il corner set Mondello, infatti, propone ampie e confortevoli sedute, corredate da soffici cuscini e due pratici tavolini d'appoggio.

Inoltre, a riprova dell'attenzione di Greenwood alla qualità strutturale dei propri prodotti, l'intera struttura è realizzata in resistente rattan sintetico, inattaccabile dagli agenti atmosferici.

Il tutto declinato in wicker in una gradevole tonalità grigio mélange.

Greenwood
Numero verde 800.985006
www.moiaspa.com/greenwood

Il Made in Italy a Tektónica 2017 è firmato Gattoni Rubinetteria




Gattoni Rubinetteria sarà presente alla 19esima edizione di Tektónica 2017, la prestigiosa fiera internazionale delle costruzioni e delle opere pubbliche, in programma a Lisbona, in Portogallo, dal 3 al 6 maggio 2017.

All'interno dell'accogliente spazio espositivo, l'azienda novarese presenterà le sue innovative collezioni, interamente progettate e realizzate nei propri stabilimenti e capaci di soddisfare le diverse esigenze di funzionalità e di design, in bagno ed in cucina, sempre con un occhio di riguardo all'eco-compatibilità.

In particolare, all'evento portoghese proporrà al pubblico internazionale: la moderna collezione Boomerang disegnata da Marco Piva, declinata in accattivanti combinazioni di finiture e colori; la gamma Ely di Marco Pisati - nella versione con leva Purple red - caratterizzata dall'armonia tra il rigore geometrico dei volumi e la plasticità delle linee. 


Inoltre, saranno esposte le serie Color, Color Cube, Circle One, Circle Two e Fly progettate da prestigiose firme italiane del design e saranno presentate le soluzioni dedicate a favorire il risparmio idrico, quali H2omix 3000, 4000 e 5000.

A riprova dell'alta qualità della produzione di Gattoni Rubinetteria, saranno protagoniste anche la gamma Color inox e le intramontabili proposte in stile classico, tra cui si distingue la lussuosa collezione Vivaldi.


Riferimenti stand: D12 Pad. 1

giovedì 27 aprile 2017

Ital-Plastick presenta il nuovo sistema GIOTTO 9C

Sistema a nove camere di Ital- Plastick, GIOTTO 9C

Il perfetto connubio tra tecnologia e design



L'infisso, elemento funzionale e fattore protagonista sia della progettazione architettonica sia dell'interior design, si rileva un componente determinante nella moderna concezione del costruire sostenibile, grazie alle caratteristiche di isolamento termico e di abbattimento acustico, in ottica di risparmio energetico e comfort abitativo. 


Partendo da tali considerazioni, Ital-Plastick ha realizzato il nuovo sistema Giotto 9C, una perfetta soluzione per il serramentista, frutto della costante ricerca tecnologica aziendale unita al più elegante design contemporaneo italiano. 

Caratterizzato da linee minimaliste pulite e dolcemente arrotondate, Giotto 9C garantisce le più elevate prestazioni termiche grazie ad una struttura composta da 9 camere di isolamento, che soddisfano appieno tutti i requisiti fisico-tecnici e costruttivi delle case passive e, più in generale, quelle a Basso Consumo Energetico. 

Il nuovo sistema, perfettamente intercambiabile con tutta la serie Giotto, rappresenta oggi la soluzione più completa per vetrature di ampie dimensioni e soprattutto performanti, grazie anche ai rinforzi posti su cassa e anta che contribuiscono a dare una maggiore stabilità al profilo.

Le eleganti guarnizioni delle ante e dei telai completano nel dettaglio il sistema che, in combinazione ad una vasta gamma disponibile di finiture legno e colori pastello, rendono possibile la personalizzazione della soluzione secondo le esigenze estetiche dell'ambiente.


Caratteristiche tecniche Giotto 9C: anatomia di un profilo.

Le caratteristiche tecnico-prestazionali del profilo GIOTTO 9C sono le seguenti:

- Sistema costituito da 9 camere, assicura ottime prestazioni termiche;

- Scostamento 13 mm;

- Sistema con guarnizioni intercambiabili;

- Sistema giunto aperto con 3 guarnizioni più 2 guarnizioni di vetratura;

- Intercambiabilità totale con la serie Giotto;

- Sistema con profili arrotondati interni/esterni per un design elegante;

- Rinforzi su cassa e anta per una maggiore stabilità;

- Spessore nodo 90 mm;

- Possibilità di composizione vetri fino a 46 mm;

- Fori di drenaggio a fresatura passante;

- Base appoggio vetri piana senza necessità di spessori speciali;

- Viti di posa a scomparsa.
 

“CENTRO*Arezzo coop.fi” vince la prima edizione dei “CNCC design Awards” - un progetto firmato Piuarch

Piuarch progetta la riqualificazione della Coop di Arezzo sviluppando un nuovo concetto di polocommerciale per ridefinire il rapporto tra grandedistribuzione e città storica, fruizione e tempo libero, cittadini e consumatori.



Un centro commerciale virtuoso per tecnica, sostenibilitàe qualità architettonica: è il CENTRO*Arezzo Coop.fiche si è aggiudicato il CNCC Deep Renovation & Design Award, il nuovo riconoscimento lanciato dal Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali.

La premiazione è avvenuta il 21 Aprile a Milano durante la cerimonia presso Palazzo Mezzanotte. Il centro commerciale CENTRO*Arezzo Coop.fi si è aggiudicato il premio nella categoria "complessi oggetto di ristrutturazione", nella sezione "da 5000 a 30.000 mq". 

Le motivazioni del premio hanno riconosciuto "una struttura all'avanguardia nel campo architettonico, con un'importante riqualificazione in ottica "green", a partire dall'efficienza energetica, fondamentale per l'ottimizzazione e razionalizzazione delle risorse".

Una Giuria composta da membri del CNCC oltreche da esperti esterni del settore - Esmeralda Cappellini (CBRE), Leonardo Cavalli (Oneworks), Paolo Facchini(Lombardini22), Massimo Moretti (CNCC/Beni StabiliSIIQ), Luca Tamini (Politecnico di Milano), CorradoVismara (Larry Smith), Roberto Zoia (IGD SIIQ) - ha esaminato le candidature assegnando i riconoscimenti.

---------------
Il Progetto di Piuarch
Inaugurato nell'ottobre 2016, il nuovo CENTRO*Arezzo è stato oggetto di una importante riqualificazione estetica e funzionale del complesso che dal 1988 serve ad Arezzo un bacino di 168.000 utenti.

Nel 2014 Unicoop Firenze aveva incaricato Piuarch di ridefinire completamente il rapporto estetico e funzionale trapolo commerciale e città, lavorando su un nuovo concetto di accoglienza e conducendo la riqualificazione senza mai interrompere l'attività commerciale.

Il risultato è un edificio iconico, composto da unvolume lineare la cui facciata bianca - dai peculiari effetti optical diventa landmark urbano.

Il progetto di Piuarch prevede anche la realizzazione di un volume verticale  non ancora completato  destinata a delineare un profilo architettonico capace di instaurare un dialogo con il contesto storico e paesaggistico della città diArezzo, caratterizzata dalle altezze di campanili e torri medioevali.

Dopo un anno di lavori si presenta oggi alla città un polo commerciale dalla veste profondamente rinnovata nella sua identità:
• rinnovamento della galleria interna e della facciata esterna
• realizzazione di una piazza interna dedicata alla sosta einterazione tra le persone
• area giochi Bacogigi, sia interna che all'aria aperta, con appuntamenti di gioco educativo, una sala relax panoramica al primo piano, due sale musica, una nursery completa di area allattamento e relax, un parcheggio rinnovato (tra cui le nuove coperture sui parcheggi laterali).
• rinnovamento del naming (da Setteponti CENTRO*Arezzo)
• ampliamento dell'offerta commerciale (H&M, Decathlone molti altri)
• rinnovamento del linguaggio visivo di segnaletica archigrafia coordinata

Concept: il logo che diventa pattern

Piuarch  celebre studio Milanese che quest'anno arriva aivent'anni di carriera  ha affrontato l'incarico indagando il rapporto tra la brand identity di Coop e l'identità visiva dell'edificio, partendo proprio dagli elementi caratterizzanti il logo.

Scomponendo le quattro lettere del logo Coop - progettato da Albe Steiner nel 1963 e rivisto poi nel 1985 da Bob Noorda -emergono due costanti: il cerchio e il nastro continuo.

Destrutturando il logo in segni grafici Piuarch arriva acomporre un pattern che si applica e caratterizza la nuova facciata: elemento chiave della rinnovata identità.

La Facciata
La facciata di CENTRO*Arezzo è stata pensata per diventare un landmark optical capace di caratterizzarel'identità visiva del centro.

Si estende per una lunghezza di 235 metri e una superficie complessiva di 2500 mq. E' composta da due fasce, quella superiore è un nastro di pannelli di vetroresina bianca caratterizzata da fori di diametro variabile tra i 20 a 50 cm distribuiti a maglia regolare lungo tutta la superficie.

La facciata interagisce continuamente con la luce naturaleche ne modifica l'aspetto al variare della propria intensità eche, alla sera, esalta e identifica il volume con l'illuminazione artificiale.

Alla base corre per tutta la lunghezza dell'edificio un basamento scandito da un melange di Colori che richiamano il tipico cotto aretino.

Il dialogo tra il pattern di cerchi nelle facciata e il nastro continuo del basamento diventa l'elemento di identità del progetto: dando continuità visiva e omogeneità concettuale al rapporto tra ambienti interni ed esterni.

La superficie bianca, forata, dai raccordi curvilinei accompagna il visitatore dalla facciata esterna, al controsoffitto della galleria coperta fino ad amplificarsi nelle superfici verticali della piazza interna.

La vetroresina è rivestita con un gelcoat, un trattamento spesso utilizzato per le imbarcazioni. Questa finitura rende la superficie
 più liscia e diminuisce il depositarsi di polvere e microelementi: rendendo più facile la pulizia della facciata già solo ad opera della pioggia.

Non un semplice rivestimento, ma una membrana interattivae mutevole, dal peculiare effetto dinamico optical che rendeil fronte di CENTRO*Arezzo un riferimento per tutta la città.

Nuovi Spazi per consumatori cittadini
Gli spazi esterni e interni sono in una linea di continuità lungo un percorso che dall'ingresso principale conduce il visitatore attraverso i differenti ambienti che si affacciano sulla rinnovata galleria.

L'ingresso pedonale è accompagnato da un asse verde composto da aiuole circolari tra le quali si snoda un percorso pavimentato.

Lo spazio riprogettato da Piuarch perde il sapore del centro commerciale per assumere invece quello di luogo pubblicoin cui poter sostare in aree identificate con termini come «piazza interna», «sentierocurvilineo», «terrazzo panoramico» e «giardino». 
Si distingue per innovazione la piazza centrale che ospita un'isola verde pensata e allestita per i bambini.

Il pattern di cerchi caratterizza anche la grande piazza interna  vero cuore di socialità e decompressione per i visitatori del centro. 

Attraverso essi dolcemente filtra la luce, sia naturale che artificiale: determinando una piacevole percezione dello spazio circostante caratterizzato dal divenire di mutevoli condizioni luminose.

La qualità dell'ambiente è resa anche dalla cura con cui è stata trattata l'acustica. Le pareti della piazza interna hanno infatti un effetto fono assorbente, grazie alle forature che smorzano i rumori restituendo la sensazione di uno spazio rilassante.

Superata la piazza interna, il percorso ispirato al logo Coop si sviluppa e accompagna l'utente tra i negozi. 

Disposti su una maglia ortogonale inclinata di 45 gradi rispetto all'asse della galleria, i cerchi variano in maniera graduale, da 20 a 50 centimetri, lasciando filtrare la luce naturale proveniente da un lucernario.

La pavimentazione utilizza un seminato alla veneziana - dal colore nero in variazioni di grigio  una superficie legata allamemoria e alla tradizione italiana, dall'aspetto rassicurante e naturale.

Il risultato è una superfice fluida che restituisce un senso di continuità al percorso. Il colore scuro contrasta i toni di bianco delle altre superfici per ridurre i riflessi di luce sulle vetrine dei negozi interni, consentendo una migliore visione della merce.

La trasformazione di CENTRO*Arezzo si è svolta a vendita aperta, un modello riqualificazione che coniuga le esigenze degli esercenti con quelle del pubblico, ottenuto con la capacità di programmare i lavori in modo estremamente dettagliato.

Uno Sguardo più ampio sul contesto
Dietro le scelte progettuali applicate per CENTRO*Arezzo c'è  l'ambizione di definire un nuovo concetto di polo commerciale per la nostra epoca.

Il progetto elaborato da Piuarch affronta e risponde adalcune delle più comuni problematiche dei così detti "nonluoghi": cattedrali dei consumi nate in contesti urbani e commerciali che nel tempo sono profondamente mutati.

Definiti dall'antropologo francese Marc Augé come "nonluoghi" perché spesso non si pongono in relazione con il tessuto urbano e storico delle nostre città, perché pensate prevalentemente per la civiltà dell'auto, perché non sicurano di molti aspetti ormai centrali nella dialettica contemporanea. Il "nonluogo" è quello spazio utilizzato per usi molteplici, anonimo e stereotipato, privo di storicità e frequentato da gruppi di persone freneticamente in transito, che non si relazionano.

Riflettere su aspetti che toccano la sostenibilità ambientale degli edifici, il rapporto col verde, la qualità dei materiali, degli spazi pubblici e delle relazioni che si determinano alloro interno è stato il primo passo per Piuarch. Si è poi affrontato il livello di integrazione di nuove funzioni che pongono al centro l'esperienza di visita, il confort dell'ambiente circostante, il rapporto con categorie un tempo non incluse come bambini e anziani.

Piuarch ha cercato quindi di determinare un diverso punto di equilibrio tra tutte queste esigenze, integrando nuovi bisogni e stili di vita, ponendo il luogo in una relazione positiva contutti i pubblici.

CENTRO*Arezzo è il primo segno di una delle possibili forme attraverso cui la grande distribuzione può influenzare positivamente l'evoluzione della città. Tanto più significativo proprio perché si è trattato di una riqualificazione del patrimonio esistente e non di nuova edificazione. Una strada di responsabilità civile che puòessere ulteriormente sviluppata per il beneficio dei nostri centri urbani.

CENTRO*Arezzo
Superficie totale 18.000 mq
Lavori interessati dal progetto di riqualificazione: 2500 mq calpestabili
Nuova Facciata: 2600 mq di superficie
Esterni: nuovo sistema di aiuole verdi e marciapiedi per 2000 mq

Piuarch.
Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini Monica Tricario fondano Piuarch nel 1996. Oggi lo studio è formato da quaranta tra architetti e ingegneri provenienti daogni parte del mondo, guidati dai quattro partner e da associati.

Un collettivo, caratterizzato da una peculiare autonomia espressiva che non si esprime attraverso uno stile univoco, bensì dalla capacità di interpretare lo spazio in modo sempre originale: avendo al proprio centro l'analisi del contesto. 

Da sempre la ricerca di Piuarch si è concentrata sulla qualità architettonica, con particolare riguardo all'uso di materiali alla luce naturale, all'analisi del rapporto tra pieni e vuoti, al confronto tra arte e architettura.

Lo studio - un open space ricavato da uno spazio industriale be ospitava un tempo una tipografia - si trova a Brera, nel cuore di Milano.

Vincitori del premio "Architetto Italiano 2013" l'impegno nella realizzazione di edifici pubblici, complessi per uffici, residenze, spazi commerciali, sia in Italia che all'estero, li ha resi uno dei nomi principali della scena architettonica milanese.

Numerosi i progetti realizzati anche all'estero, in particolare in Russia e Ucraina, nelle città di San Pietroburgo, Mosca, Sochi e Kiev.

Tra i progetti realizzati citiamo: gli Headquarters di Gucci inVia Mecenate a Milano con un intervento di riqualificazione in archeologia industriale delle Ex Fabbriche Caproni; oltre 40 boutique Dolce & Gabbana nel mondo, gli edifici ed headquarters Dolce & Gabbana a Milano; il Givenchy Building a Seoul (Corea); l'edificio Quattro Corti oggi sededella Gazprom a San Pietroburgo; i padiglioni per Enel Caritas all'Expo di Milano; la riqualificazione del supermercato Coop ad Arezzo.

Tra i progetti in corso al momento: la riqualificazione del Palazzo del Credito Italiano in Piazza Cordusio a Milano;il nuovo concept globale delle boutiques Yamamay; la sede per la Banca di Transilvania a Cluj - Napoca in Romania; il Centro Congressi Ekaterinensky di Krasnodar nella Russia meridionale.


--
www.CorrieredelWeb.it

FEED

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI