Cerca nel blog

lunedì 7 agosto 2017

Soluzioni Came per la "casa passiva" di Gardigiano

Domotica, antintrusione e videocitofonia installate dall'azienda veneta in un'abitazione progettata per rispettare l'ambiente assicurando il benessere termico senza fonti di energia.


CAME, azienda leader nella fornitura di soluzioni tecnologiche integrate per l'automazione di ambienti residenziali, pubblici e urbani, ha realizzato il sistema domotico, antintrusione e di videocitofonia di una "casa passiva" costruita a Gardigiano, in provincia di Venezia, con soluzioni che assicurano il benessere termico di chi ci abita, senza sfruttare fonti energetiche di riscaldamento alternative.

L'edificio bifamiliare, costituto da due appartamenti di 200 mq disposti su due piani, realizzato interamente in legno senza l'utilizzo di calcestruzzo, è stato appositamente progettato per ottenere il certificato di "casa passiva". Nell'abitazione, totalmente priva di sistemi di riscaldamento, la somma degli apporti di calore provenienti dal sole trasmessi dalle finestre e aggiunti a quelli generati dagli elettrodomestici, compensano le perdite dell'involucro durante la stagione fredda.

La casa, ben coibentata all'esterno con lana di roccia, dispone di un impianto di ventilazione che garantisce un ricircolo costante dell'aria, abbinato a una pompa di calore che immette aria calda nella ventilazione in inverno e aria fresca in estate. L'energia elettrica e l'acqua calda vengono, invece, generate da un impianto fotovoltaico.

LA SFIDA
Nella casa, concepita secondo i più moderni criteri dell'edilizia eco-sostenibile, c'era l'esigenza di gestire al meglio, attraverso un unico sistema, tutte le automazioni presenti, dalla videocitofonia alle tapparelle, dalle aperture all'impianto TVCC, dalle luci a LED dimmerabili fino al controllo carichi. La soluzione doveva essere semplice e intuitiva da utilizzare, da parte dell'installatore e del padrone di casa, che dovevano accedervi, sia in locale che da remoto.

LA SOLUZIONE
Domotica per gestire tutte le automazioni
L'abitazione è stata completamente automatizzata, attraverso il sistema domotico CAME, progettato per gestire al meglio tutti i dispositivi installati offrendo il massimo del comfort e del benessere. 

CAME Domotic 3.0 è una soluzione d'avanguardia, completa, integrata e modulare, in grado di adattarsi alla casa passiva, senza essere invasiva perché consente ai proprietari di creare un'abitazione su misura scegliendo quali funzionalità domotiche implementare e quali eventualmente aggiungere anche a distanza di tempo. Grazie alla tecnologia CAME Connect, installatore e padroni di casa possono gestire anche da remoto, collegandosi in Cloud attraverso smartphone e tablet, tutte le automazioni presenti nella casa.

Controllo dei carichi e attenzione ai consumi
Anche la casa passiva, come tutte le abitazioni moderne, richiede un elevato numero di utenze elettriche che rischiano di generare fenomeni di black-out, perché la richiesta di energia è spesso superiore a quella generata dall'impianto fotovoltaico. Collegare contemporaneamente due o più elettrodomestici può, infatti, portare a un sovraccarico del sistema. 

I moduli di controllo energia di CAME Domotic 3.0, installati nella casa di Gardigiano, provvedono, in caso di eccessiva richiesta di potenza, a scollegare i carichi elettrici meno importanti e a ricollegarli in un secondo momento, in base a un ordine prestabilito dai proprietari. 

Il sistema consente, inoltre, di visualizzare sul terminale touch screen il consumo attuale e storico dei vari carichi elettrici controllati e permette la lettura dell'energia prodotta e consumata dall'impianto fotovoltaico. Utilizzando due toroidi, collegati uno a valle del contatore e uno all'uscita dei pannelli, è possibile leggere e visualizzare sul terminale touch screen il valore dell'energia prodotta, consumata e la risultante dei due valori. Essere consapevoli del consumo energetico agevola il risparmio e permette di vivere in armonia con l'ambiente.

Nella casa passiva sono stati installati anche un sistema antintrusione CAME e un sistema di videosorveglianza composto da monitor, telecamere e videoregistratori digitali in grado di offrire il massimo della sicurezza. Completa la soluzione un sistema videocitofonico costituito da un posto esterno Thangram e un videocitofono vivavoce FUTURA IP a colori, con display LCD da 7'', provvisto di interfaccia grafica utente, funzione di videosegreteria integrata e pulsanti soft touch, con sistema digitale XIP, installato a parete.


CAME S.p.A.
CAME è una multinazionale leader nella fornitura di soluzioni tecnologiche integrate per l'automazione di ambienti residenziali, pubblici e urbani, che generano spazi intelligenti per il benessere delle persone.
Il Gruppo sviluppa automazioni per ingressi, sistemi domotici e antintrusione, sistemi di videocitofonia, termoregolazione e porte sezionali per ambienti residenziali e industriali. Offre anche soluzioni per i grandi progetti e per l'urbanistica, sistemi per la gestione di parcheggi automatici e parchimetri di sosta a pagamento, per il controllo degli accessi e la sicurezza degli ambienti collettivi.

Di proprietà della famiglia Menuzzo, CAME S.p.A. è una realtà fortemente legata alle proprie radici italiane. Presente sul mercato con 480 tra filiali e distributori in 118 Paesi del mondo, ha sede a Dosson di Casier in provincia di Treviso e possiede 6 stabilimenti produttivi a Treviso, Sesto al Reghena (PN), Spilimbergo (PN), Avignone (Francia), Barcellona (Spagna) e Londra (Inghilterra). L'azienda conta più di 1.460 dipendenti e ha registrato un fatturato di 255 milioni di euro nel 2016.

CAME, grazie alle proprie soluzioni innovative per il controllo accessi, è stata scelta come partner tecnologico da Expo Milano 2015 e ha aperto le porte agli oltre 21 milioni di visitatori giunti da tutto il mondo per visitare l'Esposizione Universale. 

Con l'innovativo sistema di controllo accessi sviluppato per Expo Milano 2015, il Gruppo trevigiano si è aggiudicato il Premio Innovazione Smau, che si propone di condividere i migliori esempi di innovazione digitale delle imprese e delle Pubbliche Amministrazioni italiane.

Segui CAME anche sui siti www.came.com e www.came.com/cpd/it/progetti

Cinelli Piume e Piumini: dai piumini ai guanciali i “Maestri della piuma” per tutte le stagioni.


Cinelli Piume e Piumini propone diverse soluzioni per continuare a dormire avvolti nella piuma non solo nei periodi più freddi ma anche nelle mezze stagioni, soprattutto in luoghi con temperature miti come in montagna oppure negli ambienti climatizzati. 

Si può quindi affermare che il prodotto in piuma e piumino è per tutte le stagioni!

Montecatini 4Seasons è la risposta dell'azienda toscana alla tendenza sempre più attuale di avere un prodotto di alta qualità in piuma versatile e funzionale che possa essere utilizzato tutto l'anno.  

Montecatini 4Seasons è infatti una soluzione composta da due elementi in piumino, combinabili tra loro scegliendo tra i cinque modelli in collezione, ciascuno con un gradiente termico e un'imbottitura differente. 

Basta selezionare la coppia di piumini da abbinare, sulla base delle proprie esigenze personali e ambientali, per ottenere il proprio interno in piumino ideale che assicura il giusto calore per tutte le stagioni. Montecatini 4Seasons può essere usato in versione "doppia" nei periodi più freddi e nella versione "singola" in quelli temperati.

Della stessa linea Montecatini l'azienda propone Multinight, una soluzione personalizzabile in base alle proprie esigenze pensata per chi condividendo lo stesso letto ha però esigenze di calore diverse: da una parte un piumino matrimoniale, dall'altra due piumini singoli staccabili.
I piumini in collezione Montecatini sono disponibili in versione singola (155x215cm), una piazza e mezza (200x215cm) e matrimoniale (250x215cm). 

Il tessuto esterno bianco è 100% Cotone Raso/Sateen, certificato Öko-Tex, con imbottitura interna in 100% Piumino Oca Bianca Ungherese.

I modelli Montecatini 4Seasons e Multinight possono essere utilizzati in qualsiasi stagione e non solo nei periodi più freddi, invernali o autunnali proprio grazie alla proprietà igroscopica naturale della piuma che assorbe l'umidità durante la notte e la lascia evaporare durante il giorno. 

Il piumino naturale infatti non si limita a "scaldare" ma opera una funzione termoregolatrice: trattiene una grande quantità d'aria tra i suoi fiocchi e diffonde il calore omogeneamente in tutto il letto.

Lo stesso discorso vale anche per i guanciali. Tra le proposte della linea piuma con massima sofficità Cinelli Piume e Piumini propone la qualità del modello Diamante. 

Un cuscino con un'imbottitura composta al 70% da piumino e al 30% da piuma. Diamante è rivestito esternamente in tessuto bianco 100% Cotone spigatino e misura 50x75cm.

giovedì 3 agosto 2017

Nuovi trend nei settori arredo e moda: Richard Quinn sceglie Epson per le sue creazioni


 Richard Quinn sceglie Epson per stampare i tessuti d'arredo sul palco del Port Eliot Festival

Il palco "Wardrobe Department" è stato progettato da Richard Quinn con mobili, rivestimenti murali e pavimentazioni che mostrano i suoi straordinari disegni floreali prodotti grazie alle stampanti largo formato Epson SureColor.
Cinisello Balsamo, 3 agosto 2017 - Nel Regno Unito l'estate è la stagione dei festival e il Port Eliot Festival di Cornwall, appena terminato, ha celebrato parole, musica, moda, natura e cibo. Uno dei luoghi più frequentati dell'evento è stato il "Wardrobe Department" che ha ospitato interviste con giovani talenti creativi e leggende del design su un set completamente progettato dal pluripremiato designer di moda Richard Quinn che lo ha in gran parte prodotto personalmente usando la tecnologia di stampa digitale Epson.
Fan delle soluzioni digitali Epson, con la stampante sublimatica a colori SureColor SC-F9200 Richard Quinn ha stampato i rivestimenti murali metallici Mylar e il tessuto d'arredo Premier Textiles del suo nuovo studio.  
La pavimentazione del palco, il divano e la poltrona sono stati rivestiti dal grande magazzino John Lewis in collaborazione con il produttore di mobili Parker Knoll. Le tessere del pavimento sono state stampate da Slam Signs su vinile antiscivolo Spandex con una stampante SureColor SC-SC80600. Tutti gli elementi sono stati installati in loco da Andrew Tomlinson, creando uno splendido set floreale.
Durante il festival, Sarah Mower, ambasciatrice britannica del Fashion Council per i talenti emergenti e critico per Vogue.com, ha intervistato Richard Quinn a proposito del lancio della sua nuova collezione alla London Fashion Week previsto per quest'anno e del suo nuovo studio a Londra. Questo spazio creativo consente a Richard non solo di sviluppare e produrre le sue collezioni, ma anche di gestire workshop e fornire servizi di stampa, permettendo ai giovani designer di utilizzare le apparecchiature, qualora lo desiderino.
"Essere invitato a creare un set per questo festival è stata un'esperienza emozionante - afferma Richard - anche se inizialmente scoraggiante, perché dovevo creare tanti tessuti anche su superfici diverse. La tecnologia Epson, la sua facilità d'uso e i diversi supporti disponibili hanno reso però l'attività lineare, conveniente e realizzabile in tempi brevi. Il mio design e la stampa dipendono soprattutto dalla vividezza dei colori e la tecnologia Epson mi ha permesso di ottenere facilmente i Pantoni desiderati su tutti i substrati. La SureColor SC-F9200, che si è già rivelata molto efficiente per la nostra linea moda, ha dimostrato tutte le sue capacità anche in questo nostro primo utilizzo per la produzione di tessuti per la casa ed è stato un grande successo. L'opzione Epson in modalità 4 passi con velocità di 30mq/ora ha garantito che i tessuti più spessi fossero comunque vividi come gli altri, rendendo l'arrendo Parker Knoll davvero pop! "
"E' davvero molto interessante come Richard stia esplorando la notevole flessibilità della stampa digitale per trasferire i suoi disegni su un'ampia gamma di supporti", ha affermato Richard Barrow, Senior Product Manager di Epson Europe. "Guidando l'avanguardia dei nuovi giovani designer, sta approfittando della notevole potenza del digitale per creare nuove opportunità e nuovi business."


Gruppo Epson
Epson è leader mondiale nell'innovazione con soluzioni pensate per connettere persone, cose e informazioni con tecnologie proprietarie che garantiscono efficienza, affidabilità e precisione. 

Con una gamma di prodotti che comprende stampanti inkjet, sistemi di stampa digitale, videoproiettori 3LCD, così come robot industriali, visori e sensori, Epson ha come obiettivo primario promuovere l'innovazione e superare le aspettative dei clienti in settori, quali stampa inkjet, comunicazione visiva, tecnologia indossabile e robotica.

Con capogruppo Seiko Epson Corporation che ha sede in Giappone, il Gruppo Epson conta oltre 72.000 dipendenti in 88 società nel mondo ed è orgoglioso di contribuire alla salvaguardia dell'ambiente naturale globale e di sostenere le comunità locali nelle quali opera.

Epson Europe
Epson Europe B.V., con sede ad Amsterdam, è il quartier generale regionale del Gruppo per Europa, Medio Oriente, Russia e Africa. Con una forza lavoro di 1.750 dipendenti, le vendite di Epson Europa, per l'anno fiscale 2016, hanno raggiunto i 1.668 milioni di euro.
Epson Italia
Epson Italia - Epson Italia, sales company nazionale, per l'anno fiscale 2016 ha registrato un fatturato di oltre 221 milioni di Euro e impiega circa 190 persone



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 18 luglio 2017

Bar Costantino Récupluxe by Sergio Villa Mobilitaly


Bar Costantino Récupluxe


L'eccellenza italiana di Sergio Villa Mobilitaly ha saputo e potuto imporsi nel mondo grazie a un binomio inscindibile e vincente fatto di ottime materie prime e di una sapiente lavorazione artigianale.

Cura, dettaglio, precisione guidano Sergio Villa Mobilitaly nella creazione e realizzazione dei suoi prodotti. 

Un lavoro fatto di manualità, non da operai ma da artigiani, dà vita a mobili, complementi e accessori realizzati con materiali preziosi e finiture di prestigio, elementi d'arredo dal forte impatto scenografico, pezzi unici ed eleganti disegnati da Carlo Rampazzi.

Nella foto Bar Costantino Récupluxe (cm 130 x 60 x 200 h) mobile bar in legno, con interno rivestito in specchio e ripiani in vetro ad alto spessore. Illuminazione interna LED, gambe in fusione di bronzo.

Finitura struttura: pelle patinata a mano, interno ante in larice invecchiato con decorazione personalizzabile.






--
www.CorrieredelWeb.it

Canaletto by Icone Luce



Canaletto by Icone Luce


Una struttura in metallo leggera ma di grande personalità e diffusori in vetro soffiato che riflettono grazia e abilità muranese: Canaletto, la nuova collezione di lampadari a sospensione e da parete di Icone Luce si inserisce a buon diritto nel nuovo trend citazionista dell'illuminazione d'interni.

La forma e il mood delle lampade della collezione Canaletto richiamano infatti forme e combinazioni di materiali che dagli anni Cinquanta in poi hanno segnato la storia del design.
Le diverse finiture in cui la lampada è disponibile (verniciato peltro con diffusore fumé, verniciato bronzo spazzolato con diffusore in cristallo, verniciato bianco con diffusore bianco) favoriscono numerose possibilità di arredo.

Sia nella versione a sospensione sia in quella da parete, Canaletto adotta un sistema a emissione di luce indiretta con LED 220V che non necessita di alimentatore ed è disponibile nelle temperature di colore LED 3000k e 2700K.






--
www.CorrieredelWeb.it

FederlegnoArredo e AFI insieme per la riforestazione delle aree distrutte dagli incendi: centinaia le piante giù acquistate

Aperta la gara di solidarietà tra le aziende associate per ricostruire i boschi vesuviani distrutti dagli incendi. Orsini (FederlegnoArredo): «Le istituzioni non possono più perdere tempo e devono lavorare a politiche forestali su scala nazionale».

«Le drammatiche immagini di questi giorni che vedono ampie aree del nostro Paese andare in fumo devono fare riflettere seriamente le istituzioni sulla necessità di attuare politiche forestali realmente efficaci che, come sosteniamo da anni, puntino tra l'altro a favorire la pulizia dei boschi e la realizzazione di nuove piste forestali che consentano un più rapido accesso ai mezzi di soccorso», spiega Emanuele Orsini, presidente di FederlegnoArredo. «Sono anni che ripetiamo che un bosco curato è un bosco più sicuro che può inoltre diventare fonte di reddito in un Paese come l'Italia, storicamente povero di materia prime, che si troverebbe una miniera verde di circa 11 milioni di ettari la cui gestione porterebbe a circa 280.000 nuovi posti di lavoro».

Purché si attuino politiche forestali nazionali, sottolinea nuovamente Orsini: «Stiamo lavorando intensamente con i ministeri competenti per portare all'approvazione di una legislazione al passo con i tempi, che veda nelle foreste un patrimonio da tutelare e valorizzare economicamente al tempo stesso. A questo proposito, auspico una rapida ratifica della Direzione foreste all'interno del Mipaff che consentirà di semplificare il coordinamento nazionale delle attività forestali».

Nell'immediato FederlegnoArredo e Associazione Forestale Italiana hanno lanciato un'importante iniziativa presso i propri associati per ricostruire i boschi vesuviani andati in fiamme mediante l'acquisto di piante autoctone. «Le centinaia le piante già acquistate dalle aziende sono un segnale di speranza e dimostrano il grande senso di responsabilità degli imprenditori italiani del legnoarredo», spiega Andrea Negri, presidente AFI.

L'iniziativa ha raccolto il plauso di Fausto Iaccheri, presidente di Conlegno: «Come Consorzio per la tutela del legno e del sughero siamo in prima linea nella salvaguardia del patrimonio forestale e della biodiversità. Attraverso il nostro lavoro nel quotidiano promuoviamo un sistema che, tramite un approccio ecosostenibile, valorizzi la qualità delle imprese consorziate che operano nel comparto legno: un impegno importante per il Consorzio, ma soprattutto nei confronti dell'ecosistema italiano e del nostro Pianeta. Iniziative lodevoli come quella portata avanti da FederlegnoArredo e AFI sono fondamentali per ridare vita al nostro prezioso patrimonio boschivo». 


--
www.CorrieredelWeb.it

Milano Bedding, i nuovi divani e divani letto 100% Made in Italy



Milano Bedding, da oltre venti anni, produce divani e divani letto che puntano su forma ed innovazione, per offrire un prodotto espressione della qualità made in Italy.

Regolarmente l'azienda Brianzola presenta le sue novità che mostrano cura nei dettagli, finiture ricercate e attenzione alla qualità dei materiali impiegati.

Clarke, divano e divano letto, è un modello con una lavorazione a "volant", con cucitura a vista, che lo rende ricercato e allo stesso tempo informale, per ambienti dall'aria disinvolta e cosmopolita.




L'attenzione per i particolari caratterizza anche Groove, che si distingue immediatamente per la lavorazione dei braccioli, con la loro arricciatura che ne fa un modello elegante ed accogliente, coniugando dettagli classici e una forma moderna.


--
www.CorrieredelWeb.it

FEED

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI