CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime notizie di Arredo e Design

Cerca nel blog

lunedì 19 febbraio 2018

CALORE, BENESSERE ED EFFETTO SORPRESA: un edificio importante e di grande prestigio nella City di Londra apre la via della quercia rossa americana in Europa

CALORE, BENESSERE ED EFFETTO SORPRESA

Un edificio importante e di grande prestigio nella City di Londra apre la via della quercia rossa americana in Europa

 

19 febbraio 2018 - Fino ad ora, il mercato europeo poteva essere motivo di insoddisfazione per i produttori e distributori di quercia rossa US. Questa specie è il legno più prolifico d'America ed il più sostenibile. Negli stessi Stati Uniti è molto utilizzato in una vasta gamma di costruzioni, per gli interni e per le applicazioni di produzione, mentre altri mercati, come la Cina e il Giappone, non ne hanno mai abbastanza. In Europa, la quercia rossa è rimasta poco conosciuta, al contrario del suo cugino bianco americano.

 

Il 'Vortice' è caratterizzato da un arco rivestito di quercia rossa americana. Credits : Foster + Partners e Nigel Young

 

E' necessario un cambio di marcia, dicono gli esperti, un progetto importante che dimostri il fascino estetico e prestazionale della quercia rossa americana. Bene, ora ce n'è uno – ed è wow! Non capitano spesso occasioni più importanti o migliori dell'headquarter da più di 1.1 million ft2 del colosso dell'informazione finanziaria Bloomberg.

 

Progettato da un team di Foster + Partners, guidato dallo stesso Norman Foster, lo splendido edificio della City di Londra è già in lista per i principali premi in ambito architettura. Ha inoltre ottenuto un buon punteggio sul fronte ambientale, raggiungendo un rating record BREEAM per lo sviluppo di uffici del 98,5%.

 

A rendere l'edificio ancora più significativo, la quercia rossa "che – come sostiene Michael Jones, project architect - non viene utilizzata in nessun modo simbolico o decorativo, ma è il fulcro estetico degli interni e degli obiettivi di sostenibilità e benessere che i designer volevano raggiungere. Viene anche utilizzata in quantità considerevoli: 37.160 m2 per il solo pavimento.

 

Per rispondere alla domanda sul perché il legno in primo luogo, e perché utilizzarne così tanto, Michael Jones riporta le conversazioni iniziali con l'amministratore delegato di Bloomberg, Michael Bloomberg.

 

"Precedentemente la società occupava lo spazio commerciale esistente, ma avendo stabilito di farne il quartier generale europeo, hanno ritenuto di meritare qualcosa di più personalizzato e creato su misura rispetto al modo in cui operano", ha affermato. "Oltre a esprimere questo attraverso l'architettura stessa e a volere un edificio molto contemporaneo, volevano anche che fosse molto contestualizzato e storicamente radicato nel tessuto urbano attraverso l'utilizzo di diversi materiali. Da qui l'ampio uso di bronzo e di pietra del Derbyshire – ben 9.000 tonnellate - ma anche del legno, lo stesso che si può vedere in giro per Londra. Il compito era quello di prendere tutti questi materiali e usarli in un modo nuovo e innovativo."

 

Pavimenti interni in quercia rossa americana. Credits: Foster + Partners e Nigel Young

 

La sostenibilità ha portato Foster a scegliere il legno.

 

"Sostenibilità che non significa soltanto sostenibilità in senso ambientale, quindi il legno come materiale rinnovabile, efficiente dal punto di vista energetico, ricco di carbonio e tutte le altre caratteristiche positive collegate, ma s'intende anche e soprattutto" ha detto Jones "sostenibilità nel senso del benessere delle persone - e le persone stanno meglio in un luogo fatto di materiali naturali".

 

Contrariamente al gusto comune che non ama particolarmente la sfumatura rosata della quercia rossa, è stata proprio questa caratteristica insieme con le proprietà tecniche, a far si che Bloomberg e Foster optassero per questa scelta. "Volevamo una specie dalle sfumature calde che si sarebbero addolcite e sarebbero maturate con il passare del tempo", ha affermato Jones.

 

Gli architetti e il cliente hanno considerato anche altre specie, ma il ciliegio è stato escluso a causa della sua tendenza, in determinate circostanze, a diventare più scuro quando esposto alla luce. Riguardo invece la quercia bianca europea o americana, avrebbe avuto una finitura di colore troppo chiaro e con una tonalità gialla. Inoltre, il fatto che gli Stati Uniti producano quercia rossa in grandi volumi ha giocato a suo favore.

 

"Anche se ci sono stati momenti in cui ero dubbioso sul fatto di poter ottenere la quantità di cui avevamo bisogno nelle tempistiche e nel colore richiesti" ha affermato Jones "stavamo comunque chiedendo un sacco di legno all'industria americana, e loro hanno colto l'occasione."

 

Il senso della scelta della quercia rossa per l'estetica degli interni è evidente nel momento in cui si entra nella lobby. Infatti aiuta a rendere sensazionale il primo impatto. Chiamato il Vortice, questo emozionante spazio in costante torsione, è caratterizzato da 1.858 m2 di pareti curve che si intersecano rivestite in quercia rossa.

 

"Il Vortice è un tocco moderno, letterale e metaforico posto all'ingresso dell'edificio e rivestito in legno, elemento che si può trovare in molti edifici inglesi classici, in particolare a Londra", aggiunge Jones. "Questa realizzazione è anche una testimonianza all'interno dell'edificio di come l'innovazione ha superato le potenziali sfide nell'uso del legno. L'uso verticale di questo rivestimento rischiava di creare un riverbero eccessivo a cui abbiamo ovviato microforandolo con il laser. Questo lo rende fonoassorbente, senza alterarne l'estetica dato che i fori sono così piccoli da non essere visibili se non a distanza molto ravvicinata, circa 20mm dalla superficie".

 

La quercia rossa è preminentemente presente anche nella sala polifunzionale, uno spazio usato per riunioni e presentazioni, adiacente all'auditorium. Qui viene utilizzato sotto forma di legno lamellare, per un totale di 1350 m³.

 

La coraggiosa decisione di utilizzare il legno anche per la pavimentazione è il risultato di un incontro a New York tra Michael Bloomberg e Michael Jones, e ha rappresentato forse il più grande test tecnico. "Stavamo parlando di possibili tipi di pavimentazione e ha solo chiesto, perché non utilizzare il legno?" ha raccontato Jones. "I motivi principali per cui non lo si vede spesso negli uffici sono i rumori quando viene calpestato - e l'edificio Bloomberg ha una capienza di appena 7.000 persone - e la necessità di accedere a servizi che si trovano al di sotto di esso. Miravamo a un'estetica della superficie compatta e senza giunzioni, ma l'utilizzo di linguette convenzionali e di fori nelle assi di legno avrebbe causato enormi problemi per raggiungere il sistema di cablaggio dei cavi di comunicazione e gli altri sistemi".

 

Scala interna. Cedits: Foster + Partners and James Newton

 

Ancora una volta l'innovazione ha superato gli ostacoli tecnici e funzionali. Collaborando con Kingspan, appaltatore e fornitore di sistemi e materiali, Bloomberg ha ideato una soluzione in cui le singole assi di legno potrebbero essere sollevate e rimontate a piacimento.

 

"Ogni asse ha una striscia magnetica che corre lungo tutta la sua lunghezza e che la tiene agganciata al pavimento metallico sottostante", ha detto Jones. "Quindi è possibile sfilarne una, sollevare le assi circostanti e poi rimetterle a posto." Questo approccio significa anche zero scricchiolii, il suono dei passi è attenuato da uno strato acustico aggiuntivo che si trova tra la tavola e il pavimento. È anche poi semplice poter sostituire le aree danneggiate".

 

Sono rimasti così convinti quelli di Kingspan della soluzione per pavimenti, che l'hanno introdotta sul mercato e la stanno già utilizzando in una serie di altri progetti.

 

L'utilizzo della quercia rossa nelle diverse declinazioni, è stato anche un impegnativo esercizio logistico. Oltre a procurarlo – e tutto doveva essere certificato FSC sostenibile o equivalente - e a trasportarlo oltre l'Atlantico, sono stati necessari una serie di ulteriori passaggi: i pannelli del Vortice sono stati perforati a laser in Svizzera, le pareti in legno lamellare per le sale polifunzionali sono state fabbricate in Germania e le pavimentazioni lavorate in Italia.

 

Il legno necessiterà di manutenzione minima, grazie alla combinazione della finitura a olio sul pavimento, della laccatura dei pannelli e della durata naturale intrinseca del materiale stesso. Se fosse necessaria una ulteriore testimonianza di questa caratteristica, la si può trovare nello stesso edificio costruito su un tempio romano dedicato a Mitra e su resti tra cui elementi strutturali in legno, rinvenuti durante lo scavo delle fondamenta. Tra le altre scoperte, 400 tavolette da scrittura in legno e altri artefatti che sono ora esposti al pubblico in quella che Bloomberg descrive come una "nuova meta culturale gratuita", il Mitreo di Londra, nel seminterrato dell'edificio.

 

Per quanto riguarda il fatto che il progetto potrà ispirare Foster a utilizzare nuovamente la quercia rossa, la risposta di Mr. Jones è perché no? "Eravamo più conosciuti per il nostro utilizzo di acciaio e vetro, ma il mercato commerciale sta cambiando e usiamo più legno in generale", ha affermato. "Le aziende ora vogliono

che i loro edifici abbiano una diversa personalità e siano più responsabili verso le persone che ci lavorano. Il legno ha piuttosto successo su entrambi questi fronti. Le persone si sentono a loro agio e si sentono meglio nel loro ambiente. E, sebbene ogni edificio sia il risultato di un accordo tra cliente e architetto, di sicuro si può usare più quercia rossa. Bloomberg ama il risultato che gli è stato consegnato, e anche noi. "

 

American Hardwood Export Council (AHEC)

American Hardwood Export Council (AHEC) è l'associazione che rappresenta a livello internazionale l'industria statunitense del legno di latifoglia; ne fanno parte gli esportatori di legno di latifoglia americano e le principali associazioni commerciali di categoria degli Stati Uniti. AHEC gestisce un programma mondiale di promozione di tutte le specie di latifoglie americane in oltre 50 mercati di esportazione. Il supporto di AHEC per progetti di design creativi, come The Smile per il London Design Festival e The Workshop of Dreams per l'Hay Festival in Spagna dimostra il potenziale di questi materiali sostenibili e fornisce preziose ispirazioni.



--
www.CorrieredelWeb.it

Selva al Salone del Mobile Milano 2018




Selva al
Salone del Mobile Milano
Fiera Milano Rho, 17-22 aprile 2018
Hall 1, Stand C02 - C06

Si terrà dal 17 al 22 aprile a Fiera Milano Rho, la 57a edizione del Salone Internazionale del Mobile che vedrà in scena le nuove proposte di Selva che proprio quest'anno festeggia 50 anni.

L'inconfondibile stile del brand si declina quest'anno secondo un design concept studiato nei minimi dettagli, l'Harmonic Dissonance, l'unione armoniosa di elementi contrastanti sapientemente mixati che regalano emozioni inedite.

Un'idea di bellezza che resiste, che si rinnova in modo sorprendente e magico per un Design testimone del tempo e portavoce dell'abitare del futuro. Nasce così la nuova collezione Gatsby, disegnata dall'architetto italiano Lorenzo Bellini, che si ispira al sogno americano degli Anni '30

Un nuovo modo di vivere il living, in ricordo di tempi passati che tornano di tendenza grazie alla perfezione minimalista e confortevole. 



--
www.CorrieredelWeb.it

NASCE L’INDICE DI FELICITA’ CONDOMINIALE: QUALI SONO GLI ELEMENTI CHE PERMETTONO AI CONDOMINI DI CONVIVERE SERENI E IN ARMONIA

NASCE L'INDICE DI FELICITA' CONDOMINIALE: QUALI SONO GLI ELEMENTI CHE PERMETTONO AI CONDOMINI DI CONVIVERE SERENI E IN ARMONIA

Simona Bastari, amministratore di condomini felici, ha ideato un parametro che permette di misurare l'indice di felicità all'interno del più importante luogo di aggregazione: il condominio

 

Milano, febbraio 2018 - Da dove ha origine l'infelicità nei condomini? È proprio rispondendo a questa domanda, apparentemente semplice, che è nata l'idea di un vero e proprio indice in grado di misurare il livello di 'felicità', inteso come benessere fisico e mentale della persona, all'interno della propria abitazione e, in maniera più estesa, all'interno del proprio condominio.

 

La principale fonte di nervosismo e frustrazione nel proprio palazzo o abitazione nasce, in primis, dall'assenza di dialogo tra condomini. Al di là del ceto sociale, della provenienza geografica o del livello culturale, si evidenza molto diffusamente la scarsa ricerca di un dialogo tra le persone appartenente allo stesso condominio. La maggior parte dei condomini, infatti, spesso neppure si conosce.

È chiaro che alla base di un comportamento aperto e tollerante ci debba essere la conoscenza tra le persone o, almeno, quest'ultima aiuterebbe. "Creare una relazione stabile e continuativa fra i condomini in maniera tale da generare empatia e ridurre i conflitti è l'assunto di base della nascita del concetto della felicità condominiale - dichiara Simona Bastari, amministratore di condomini felici, che prosegue - Attualmente anche l'approccio dell'amministratore condominiale in primis è cambiato, basti vedere quante iniziative mirate sono sorte negli ultimi anni a supporto di una nuova mentalità di apertura e condivisione".

 

L'indice consente di capire e analizzare quantitativamente, attraverso l'utilizzo di un questionario, quanto una persona si senta felice nel condominio di appartenenza e quanto quel condominio sia da considerare ragionevolmente felice.

La prima è un'analisi della percezione del singolo condomino sulla base di parametri soggettivi. Il secondo parametro di analisi conduce a un dato più oggettivo e riguarda la location: come e dove il condominio è situato, in quale zona, quartiere o città, qual è la vicinanza con spazi di relax (parchi e giardini), di istruzione (scuole, asili ecc.), di svago, oltre che ai vari esercizi commerciali.

Dal focus legato alle singole abitazioni, il questionario si sofferma poi su altri quesiti che riguardano gli spazi del proprio appartamento in proporzione al numero di persone che lo abitano, la presenza o meno di ascensore, garage e spazi comuni, condizioni dell'impianto di riscaldamento.

Parte fondamentale del questionario per definire l'indice di felicità è poi quella volta a definire la situazione dello stabile (scale o servizi con problematiche, presenza o assenza di aree verdi come giardino, ecc.) sia internamente che esternamente.

 

Gli ultimi due campi sono percettivi, quindi soggettivi. Si analizza da una parte la relazione con lo studio di amministrazione condominiale, la presenza o meno di dialogo, l'efficacia nella trasmissione di informazioni corrette e con le giuste tempistiche, la frequenza e utilità delle riunioni, l'affidabilità e reperibilità dell'amministratore, dall'altra come il condomino percepisce il proprio livello di felicità all'interno del condominio. 

 

"Il questionario, che auspico avrà una diffusione sempre più ampia su scala nazionale, si prefigge l'obiettivo non solo di stabilire un parametro per definire la felicità condominiale, ma anche di invitare chi vive il condominio a dare il proprio personale contributo per migliorare questo livello, coinvolgendo e spronando i propri vicini a fare lo stesso", conclude la Bastari.



--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 17 febbraio 2018

Arredo bagno: Serie Wellness - a parete di Vicario Srl. L'armonia perfetta tra comfort, risparmio e design


Nell'ambiente doccia, la funzionalità sposa l'estetica grazie alla collezione di soffioni a parete Serie Wellness.

Le proposte dell'azienda di Borgomanero trasformano il bagno nello spazio dedicato al benessere. 
Merito, ad esempio della possibilità di scegliere tra il soffione con getto a pioggia, oppure il soffione con doppio getto - a pioggia e a cascata - per favorire così il completo rilassamento.

Inoltre, le soluzioni Wellness di Vicario Srl si distinguono per assicurare, oltre al perfetto comfort, anche il risparmio energetico, garantendo sempre la portata d'acqua ottimale. 
Infatti, con la funzione "getto a pioggia", il soffione eroga - in rapporto alla minore o maggiore pressione - dai 4,3 litri al minuto agli 8,2 litri al minuto; e con la funzione "getto a cascata" eroga dai 5 litri al minuto ai 9 litri al minuto.

I soffioni sono funzionali anche per le operazioni di pulizia, grazie agli ugelli in silicone anticalcare che facilitano la rimozione dei depositi calcarei.

Dal punto di vista del design, il soffione si caratterizza per le forme sobrie e lineari d'intonazione contemporanea, con la possibilità di scegliere tra il modello con spessore da 24 mm e la versione ultrapiatta da 5 mm. 
Inoltre, l'intera collezione è realizzata in acciaio inox, disponibile con superficie lucida oppure satinata, per un effetto estetico impeccabile.


--
www.CorrieredelWeb.it

Arredamento: Gerflor firma l’accordo per l’acquisizione del settore linoleum di DLW

Gerflor firma l'accordo per l'acquisizione del settore linoleum di DLW 

17 febbraio 2018 - Gerflor firma un accordo vincolante per l'acquisizione delle attività relative al settore linoleum di DLW. Tale operazione, che resta soggetta all'approvazione delle autorità di regolamentazione, si finalizzerà nel mese di marzo 2018.

Attraverso questo accordo Gerflor rileverà nello specifico il sito industriale di Delmenhorst (Germania), una parte della forza vendita e delle funzioni di supporto. L'accordo permette al settore linoleum di DLW, dopo alcuni anni d'incertezza, di entrare a far parte del gruppo Gerflor SAS.

Gerflor SAS è leader mondiale nella produzione e commercializzazione di pavimentazioni resilienti e rivestimenti murali, avendo già incorporato e sviluppato con successo marchi leader come Taraflex® e Mipolam®. Il brand DLW ed i suoi prodotti beneficeranno così della dimensione internazionale di Gerflor, della sua capacità d'innovazione e del suo supporto ai clienti.

Gerflor e DLW cooperano da lunga data sul mercato francese, dove Gerflor distribuisce i prodotti linoleum di DLW dal 2011.

Quest'acquisizione permetterà a Gerflor di completare il suo portafoglio prodotti nel campo delle pavimentazioni resilienti con una soluzione particolarmente apprezzata per la sua sostenibilità. Con questo settore d'attività, Gerflor offrirà ai suoi clienti una gamma ancora più vasta in alcuni dei suoi mercati prioritari come la sanità, l'educazione, il settore residenziale, lo sport e il retail. Attraverso quest'acquisizione, Gerflor diventa altresì uno dei maggiori produttori di pavimentazioni resilienti in Germania.

In seguito alla firma dell'accordo, Bertrand Chammas, CEO di Gerflor SAS ha dichiarato : «Questo accordo permette non soltanto di garantire la continuità delle attività del settore linoleum di DLW, ma anche di mettere in atto, col sostegno del gruppo Gerflor, una nuova dinamica di costante crescita. Siamo felici di accogliere questo marchio storico e il suo team di professionisti. 

La nostra priorità nei prossimi mesi sarà di garantire la continuità delle operazioni e una qualità di servizio ottimale per la totalità dei clienti di DLW, siano essi distributori, installatori, professionisti o utilizzatori finali. Grazie agli investimenti e al piano di trasformazione di Gerflor, sono sicuro che proporremo al mercato un'offerta di prodotti e servizi ancora più accattivante.»


--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 11 febbraio 2018

LG - La casa smart è di scena a Innofest 2018 a Cannes

Efficienza energetica, design e funzioni smart: le nuove lineup LG trasformano la casa.

Cannes, 12 febbraio  Elettrodomestici con capacità di autoapprendimento: dopo il successo del CES 2018, LG Eletronics torna a stupire presentando le novità tecnologiche di quest'anno per il mercato europeo in occasione di InnoFest, l'appuntamento con l'innovazione dedicato a partner, distributori e clienti europei.

Nella prestigiosa cornice di Cannes, l'azienda ha presentato le nuove linee di prodotto per Home Entertainment e Home Appliances caratterizzate da un unico obiettivo: migliorare e semplificare la vita dei consumatori rendendo smart tutta la casa grazie al sistema di AI LG ThinQ®.

Tra le principali novità, la nuova line up di TV OLED e UHD, che integra ThinQ® e il nuovo processore Alpha 9; le nuove feature diTWINWash™; l'allargamento della nuova linea LG InstaView™ Door-in-Doorcon nuove proposte di colori e design e la nuova asciugatrice DUAL Inverter Heat Pump che migliora prestazioni ed efficienza energetica.

LG OLED e UHD TV
La nuova lineup di OLED TV e SUPER UHD TV integra ThinQ® e il processore d'immagine avanzato α (Alpha) 9. 

ThinQ® consente di gestire centinaia di richieste vocali utilizzando la piattaforma smart open LG e i servizi di Intelligenza Artificiale di terze parti. Grazie a questa funzionalità, i consumatori possono utilizzare il telecomando per interagire con l'assistente vocale. In questo modo i TV ThinQ®diventano degli smart hub che permettono di gestire altri device di smart home come robot aspirapolvere, condizionatori d' aria, purificatori d' aria, luci, altoparlanti e molti altri dispositivi che possono connettersi al TV via Wi-Fi o Bluetooth.

Il nuovissimo processore intelligente α (Alpha) 9 consente inoltre di offrire immagini realistiche con colori incredibilmente ricchi, nitidi e profondi per un maggiore realismo. 

LG TWINWASH™, nuove feature per migliori prestazioni 
La lavatrice TWINWash, già protagonista di una vera e propria rivoluzione del lavaggio, migliora ulteriormente le proprie prestazioni grazie all'integrazione della tecnologia Next TurboWash: ogni angolo del cestello interno presenta degli ugelli che spruzzano acqua pulita sui capi mentre il 3D jet motion regola la potenza del getto sincronizzandosi perfettamente con i movimenti del cestelloLe performance dei cicli di lavaggio vengono migliorate, grazie a un maggiore effetto detergente, garantendo la massima delicatezza sui vestiti. Il risultato è un ciclo di lavaggio di soli 39 minuti.

Inoltre, l'innovativa tecnologia TrueSteam™ che utilizza il vapore è in grado di penetrare nei tessuti per eliminare in maniera naturale il 99,9% degli allergeni oltre che ammorbidire gli indumenti dalle pieghe e rinfrescare i capi dagli odori

TWINWash™ può inoltre essere messa in pausa per gestire eventuali aggiunte di capi di qualsiasi dimensioni grazie alla comoda funzione Pausa & Aggiungi.

TWINWash™ è infine dotata di connettività Wi-Fi, che consente il controllo da remoto, il tracciamento del consumo energetico con la funzione Energy Monitoring e la diagnosi di eventuali problemi tramite il programma Smart Diagnosis™.

LG InstaView Door-in-Door™, nuovo design per una maggiore eleganza
Già apprezzato per il pannello in vetro e la rivoluzionaria funzionalità Toc-Toc, che illumina l'interno del frigorifero rivelandone il contenuto senza doverlo aprire, la linea LG InstaView si allarga ora ai frigoriferi Multi-Door. 

Con un elegante design nero in acciaio inossidabile, questa novità aggiunge un tocco di eleganza ad ogni cucina, offrendo allo stesso tempo il massimo dell'efficienza. 

Il Door-in-Door ™ offre maggiore spazio coniugando flessibilità e praticità grazie all'utile compartimento accessibile dal pulsante nascosto sotto la porta del frigorifero che consente a InstaView Door-in-Door ™ di ridurre drasticamente la perdita di aria fredda fino al 41% .

Il frigorifero InstaView Door-in-Door ™ di LG offre anche una serie di funzioni volte a semplificare la vita dei consumatori e a mantenere il cibo in uno stato ottimale tra cui il ripiano pieghevole, che può essere regolato per riporre bottiglie o vasi alti e voluminosi; il dispositivo Pure N Fresh, che eliminagli odori sgradevoli e il fabbricatore di ghiaccio Slim Spaceplus™ montato direttamente sulla porta.

Alimentati dall'esclusivo Compressore Lineare Inverter, che è supportato da una garanzia di 10 anni, i frigoriferi LG vantano il 32% in meno di consumo energetico e il 25% in meno di rumore insieme a maggiore affidabilità e durata. Inoltre, tramite SmartThinQ™, il frigorifero puó essere controllato a distanza con il proprio smartphone, impostando per esempio la temperatura o attivando la funzione Express freeze.

LG Asciugatrice DUAL Inverter Heat Pump
L'asciugatrice DUAL Inverter Heat Pump™ (RC90U2AV2W) risponde all'esigenza dei consumatori di proteggere i propri capi riducendo i costi, raggiungendo un'efficienza energetica di A +++ - 10%. 

Queste elevate performance sono assicurate dal compressore Dual Inverter che consente diverse opzioni EcoHybrid: grazie al Time Mode, il tempo di asciugatura si riduce fino a 18 minuti per chilogrammo mentre con l'Energy Mode risparmia energia. 

La tecnologia Heat Pump™ mantiene bassa la temperatura per ridurre al minimo il restringimento e il danneggiamento di tutti i tipi di indumenti da quelli delicati, come la biancheria, capi più pesanti,come quelli in lana. Il programma Allergy Carepermette inoltre di applicare la corrispondente funzione, che elimina il 99,9% degli acari, degli allergeni e del pelo degli animali domesticidall'inizio alla fine del programma.

L'asciugatrice è alimentata dal DUAL Inverter Compressor e dal motore Inverter di LGentrambisupportati da una garanzia di ben 10 anni.
Anche l'asciugatrice DUAL Inverter Heat Pump ™ integra SmartThinQ® e la connettività Wi-Fi che permettono il controllo da remoto dell'apparecchio, la scelta dei programmi e la rapida diagnosi di eventuali problemi.


# # #

LG Electronics Home Entertainment Company
LG Electronics Home Entertainment Company è leader mondiale nei settori dei televisori, dei sistemi audio-video, monitor, proiettori, personal computer, digital signage e commercial display. 

L'azienda ha aperto una nuova era di innovazione nel mercato televisivo, creando tecnologie pionieristiche come l'OLED TV e implementando un sistema operativo webOS intuitivo per consentire ai clienti di sperimentare i benefici della tecnologia smart TV. 

LG si impegna a migliorare la vita degli utenti con prodotti innovativi per l'home entertainment, grazie ai suoi pluripremiati televisori OLED 4K e TV SUPER UHD con tecnologia Nano Cell™.


--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 10 febbraio 2018

Progetto italiano per la sede Christie's a Shanghai

Tra passato e presente, un progetto italiano
per la sede di Christie's a Shanghai

Per ospitare la prestigiosa casa d'aste, Vudafieri - Saverino Partners hanno trasformato un palazzo storico nel cuore di Shanghai in uno spazio multifunzionale, in cui tradizione e contemporaneità s'incontrano.
Porta la firma dello studio milanese Vudafieri – Saverino Partners la sede di Christie's in Cina, ospitata all'interno dello storico Ampire Building. Il palazzo, realizzato in stile coloniale da architetti britannici agli inizi del '900, sorge nell'esclusiva area pedonale di Yuanmingyuan Road, nel Bund, il distretto più antico ed elegante di Shanghai. Un edificio che rispecchia la tradizione dell'antica casa d'aste, ma che allo stesso tempo, con il progetto di Tiziano Vudafieri e Claudio Saverino si veste di contemporaneità e guarda al futuro, come la città che lo accoglie. Il contatto tra epoche differenti testimonia la volontà da parte degli architetti di indagare e rileggere le essenze del luogo in cui ciascun progetto si sviluppa.
La sede Christie's, realizzata in collaborazione con lo studio francese (basato a Shanghai) DDM – Debelle de Montby, si presenta così come un moderno e luminoso spazio polifunzionale, che si estende su circa 1000 mq, articolato su due dei tre piani che compongono l'Ampire Building.  Al primo piano sono situate la lobby principale, la biblioteca e la zona degli uffici, mentre il secondo ospita la zona espositiva e la sede delle aste. Un edificio pensato come area di lavoro, ma che vuole essere anche un punto d'incontro per gli appassionati d'arte e collezionisti in occasione di mostre, vendite private, conferenze e altri eventi.
Gli interni si presentano all'insegna dell'estrema eleganza e armonia delle forme. Le stanze si caratterizzano per pareti bianche arricchite da stucchi, pavimenti in legno, raffinati mobili su misura che richiamano la tradizione cinese e illuminazioni contemporanee studiate ad hoc dall'azienda italiana Viabizzuno. L'imponente scalinata principale, segno distintivo del palazzo, è stata restaurata e dipinta in rosso, a rievocare le nuance del logo Christie's, mentre per collegare il primo e secondo piano è stata creata un'apposita scala interna.
Un luogo dedicato al lavoro ma non solo. La sede Christie's di Shanghai con la sua biblioteca e spazi per mostre ed eventi, è divenuta ormai un vero e proprio punto di riferimento per la vita artistica della città: un polo d'arte internazionale in cui passato e presente, Oriente e Occidente, si incontrano. Una sede d'eccezione, quella della più grande casa d'aste al mondo, che conferma il ruolo sempre più di primo piano che la Cina riveste nel mercato dell'arte globale.


Photo Courtesy of Christie's Images Lt. © 2015



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *