CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime notizie di Arredo e Design

Cerca nel blog

venerdì 31 ottobre 2014

I mosaici Trend per lo studio dentistico KU64 a Berlino: ispirazione rococò per le pareti floreali

 

Milano, ottobre 2014 - Non sempre l'approccio con uno studio dentistico è piacevole per i pazienti: proprio per questo lo studio KU64 di Berlino ha voluto realizzare un ambiente che fosse il più possibile gradevole esteticamente.

Il restyling dello studio, affidato agli architetti Thomas Karsten e Alexandra Erhard, fondatori dello Studio Karhard, ha visto la partecipazione di Trend, azienda vicentina specialista del mosaico, che è riuscita a realizzare con grande perizia delle fedeli riproduzioni delle carte da parati di The New Palace, edificio dallo stile rococò fatto costruire a Potsdam da Federico II il Grande nel 1763.

Ispirate dai rigogliosi giardini di Potsdam, le carte da parati con motivi floreali del palazzo potevano essere ricreate nelle loro innumerevoli sfumature di colore solo dall'arte musiva di Trend, che vanta una vasta gamma di colori disponibili ed una profonda attenzione ai dettagli.


Ausili per la mobilità: tecnologia e design con Otolift

Si tratta di una delle aziende leader nel settore a livello internazionale: Otolift Montascale Srl è la filiale italiana di Otolift, primaria azienda colosso olandese produttrice di ausili per la mobilità, in particolare montascale a poltroncina. Il plus dell'azienda, maturato grazie ad un'esperienza pluriennale e servendo più di 130.000 clienti in tutta Europa, è la capacità di unire più prospettive: infatti, oltre a fornire praticità e comfort a chi necessita di un supporto per spostarsi nella propria casa su più livelli, è importante garantire che il prodotto sia anche esteticamente bello, per integrarsi con lo stile dell'abitazione.

 

La cura di ogni dettaglio, infatti, consente proprio questo mix di funzionalità e bellezza: il montascale diventa un oggetto di design, che si armonizza con ogni ambiente, per uno spazio domestico accogliente e pratico.

 

Tra i diversi modelli disponibili, è sempre possibile scegliere ogni particolare: dal materiale e colore della struttura fino ai rivestimenti della seduta. Così, per lo schienale del montascale si può scegliere tra la modernità dell'alluminio al calore naturale del legno, mentre per il rivestimento della poltroncina si spazia da diversi tipi di tessuto e nuance di colore, alla pelle, all'eco-pelle per chi ha un occhio di riguardo all'eco-sostenibilità, fino ai materiali plastici.  

 

Un altro vantaggio del rivolgersi a Otolift Montascale è la grande professionalità dei suoi operatori che, dalla selezione del prodotto al sopralluogo a domicilio fino alla posa finale, accompagnano il consumatore con assistenza e consigli, finalizzati a ottenere la soluzione perfetta per le specifiche esigenze di mobilità, legate sia alla persona sia all'abitazione.

 

"Tecnologia e design all'avanguardia, sono queste le caratteristiche principali dei nostri prodotti – spiega l'AD di Otolift Montascale Srl, Vittorio Toffalori   se la crisi economica e i canali di informazione online hanno reso l'acquirente più cauto e oculato nelle proprie spese, soprattutto per investimenti a lungo termine come il montascale, noi rispondiamo con totale trasparenza e una qualità che si può toccare con mano. L'attenzione al consumatore è il nostro core value: per questo forniamo prodotti d'eccellenza, come Otolift One e Two per le scale curvilinee e Otolift Parallel per le scale dritte, studiati per essere pratici, di design e per nulla invasivi dello spazio, e che possono essere installati sia all'interno che all'esterno dell'abitazione o dell'edificio".

mercoledì 29 ottobre 2014

ARMSTRONG BUILDING PRODUCTS: PRIMO PRODUTTORE DI CONTROSOFFITTI, IN EUROPA, CERTIFICATO CRADLE TO CRADLE SILVER

Armstrong Building Products è il primo fornitore di soluzioni complete per controsoffitti, in Europa, a conseguire la certificazione Cradle to Cradle Silver per i pannelli Perla OP 0.95. Un nuovo standard, che attesta l'impegno dell'Azienda, nella realizzazione di prodotti altamente sostenibili e nel miglioramento continuo del proprio processo produttivo, per un impatto, quasi zero, sull'ambiente.

 

Il Cradle to Cradle si basa, infatti, su una nuova filosofia di pensiero che richiede un cambiamento totale nella progettazione del prodotto e la sua lavorazione: dallo sviluppo del concept, all'approvvigionamento delle materie prime, fino alla vendita ed al supporto tecnico. Un vero e proprio manuale che guida i produttori ad innovare secondo cinque livelli di certificazione, Base, Bronzo, Argento, Oro e Platino, creando prodotti riconosciuti, a livello internazionale, ad alto valore aggiunto.

 

Le motivazioni che hanno spinto Armstrong Building Products a sposare questo nuovo approccio sono molteplici: contribuire ad uno sviluppo sostenibile, stabilire uno standard comune di valutazione della qualità e delle prestazioni di un prodotto ed assicurare ai propri Clienti la massima trasparenza sulla sicurezza dei materiali utilizzati. Inoltre, in alcuni Paesi come gli Stati Uniti e l'Europa, il Cradle to Cradle è già diventato un requisito fondamentale per la realizzazione di numerosi progetti immobiliari. Oggi più che mai, infatti, la crescente attenzione dei consumatori e dei costruttori verso la bioedilizia, ha portato ad una ridefinizione del termine di "edificio di qualità" giudicando essenziale, non solo il design e la funzionalità, ma anche l'ecocompatibilità dei materiali impiegati ed il loro potenziale riutilizzo all'interno di un'economia circolare.

 

L'Azienda, per ottenere il livello di certificazione Silver sui pannelli Perla OP 0.95, ha elaborato uno strutturato piano d'azione, con diversi step di valutazione, che le ha permesso di soddisfare i requisiti richiesti nelle cinque categorie previste dal modello: la purezza del materiale, il riciclaggio e la sua totale biodegradabilità, l'utilizzo, nel processo produttivo, di energia proveniente da fonti rinnovabili, la tutela delle risorse idriche e l'attuazione di un'attività produttiva socialmente responsabile.

 

Nello specifico, gli elementi Perla OP 0.95 di Armstrong Building Products, sono realizzati in fibra minerale, utilizzando, per circa il 53%, materiali recuperati e reimmessi all'interno del processo produttivo. Progettati nel pieno rispetto dell'ambiente, sono riciclabili al 100% e, grazie alla loro superficie liscia e compatta, assicurano massime prestazioni in termini di assorbimento acustico, pari a αw 0.95 e di riflessione della luce, circa l'85%, a vantaggio di un maggior risparmio energetico, grazie all'utilizzo dell'illuminazione indiretta.

 

I controsoffitti Perla OP 0.95 di Armstrong Building Products sono protagonisti di numerose realizzazioni in tutto il mondo, tra queste spicca Park 20/20, a pochi chilometri da Amsterdam. Un inedito progetto, di cui l'Azienda è sponsor, interamente ispirato ai principi del Cradle to Cradle, che fungerà anche da vetrina, per illustrare questa nuova modalità di "progettazione sostenibile" e la sua concreta applicazione.

 

 

Alessandro Buldrini, Country Sales Manager di Armstrong Building Products, dichiara: "Armstrong Building Products è stata la prima Azienda, in Europa, ad ottenere questa certificazione. I risultati che abbiamo raggiunto, ad oggi, rappresentano per noi, un punto di partenza e sono fonte di ispirazione per le altre realtà. Il prossimo obiettivo, in linea con i principi ispiratori del Cradle to Cradle, è quello di poter raggiungere la certificazione per tutte le nostre gamme.".

Arriva la “Virtual Power Bank”, la prima ricarica mobile di design che sensibilizza al rispetto della natura e del pianeta

La tecnologia di Virtual scende in campo per combattere la "sindrome da batteria scarica" e per sostenere l'ambiente con il motto "Reload the Planet".


Grazie al contributo creativo del designer italiano Andrea Tamburini arrivano le prime Power Bank realizzate con materiale da riciclo e dal design ispirato al mondo degli animali e agli elementi primordiali della natura.

Dopo un approfondito lavoro di ricerca nel campo del design e delle tecnologie eco-sostenibili è nata la rivoluzionaria Power Bank di Virtual, grazie alla quale rimanere a secco d'energia con i propri dispositivi mobile non sarà più un problema.

Basta collegare l'innovativa Power Bank al proprio smartphone, al tablet o a qualsiasi altro gadget elettronico scarico per usufruire di una potente riserva d'energia, che permette di continuare ad utilizzarli sempre e ovunque

Il tutto nel più completo rispetto della natura, grazie all'utilizzo di materiali plastici riciclati, scelti da Virtual per sensibilizzare al rispetto del Pianeta: "Reload the Planet" è infatti il motto coniato dalla Virtual, azienda che vuole trasmettere proprio questo importante messaggio di rispetto del pianeta Terra, coniugandolo però per la prima volta con i più alti livelli d'innovazione tecnologica e di ricerca nel design, ispirato agli elementi primordiali della natura rielaborati nelle tre versioni della Power Bank.

Quante volte capita di rimanere a secco di energia, magari in giro per la città o durante un lungo viaggio, rimanendo tagliati fuori dal mondo. 

È proprio qui che entra in gioco la "sindrome da batteria scarica", uno dei nuovi incubi dell'era contemporanea; il panico e la frustrazione che questa sindrome porta con sé sono però solo un ricordo grazie all'arrivo della Power Bank di Virtual, azienda di elettronica che unisce il design glamour, l'innovazione tecnologica e il rispetto per la natura.
Attraverso il lavoro svolto da un team composto da professionisti del settore tra ingegneri elettronici ed esperti di tecnologia, è nata una batteria portatile di qualità dal design accattivante, tecnologicamente avanzata e prodotta nel più completo rispetto della natura: è la Virtual Power Bank, un'inesauribile riserva d'energia che si distingue nel mercato dell'elettronica di consumo per il design completamente dedicato agli elementi naturali e agli animali e l'uso di materiali plastici riciclati, il tutto progettato senza dimenticare la qualità dei componenti e la facilità d'utilizzo in ogni occasione.

"La costante necessità di energia è diventata una vero problema per gli italiani – afferma Andrea Tamburini, head designer dell'ufficio stile di Virtual per questo abbiamo pensato di creare un nuovo concept di batteria portatile, che permetta a tutti di restare sempre connessi senza rinunciare ad un design innovativo che non passa inosservato e che poti con sé un messaggio forte di rispetto per il Pianeta".

Sono tre le versioni disponibili: la Power Bank Stone, la batteria più capiente con i suoi 10400 mAh di energia immagazzinabile, la Power Bank Panda, con una capienza da 5200 mAh contenuta in un colorato involucro con le sembianze del famoso mammifero in via d'estinzione, e la Power Bank Owl, un simpatico "gufo" che può contenere fino a 7800 mAh.

Power Bank è disponibile nei migliori fashion store e nei negozi di elettronica al prezzo di € 29.00 per la versione Panda da 5200 mAh, € 39.00 per la versione Owl da 7800 mAh e € 49.90 per la più capiente versione Stone da 10400 mAh.


Per info:
scrivere a info@getinvirtual.com o visitare il sito http://www.getinvirtual.com.

ORTI SUL TETTO CONTRO IL CARO BOLLETTA. HARPO GROUP CON HABITAMI PER CONDOMINI EFFICIENTI

L'azienda triestina, con la sua Divisione Harpo verdepensile, aderisce alla task force di professionisti al lavoro per la riqualificazione energetica (e ambientale) dei complessi residenziali di Milano. Il risparmio energetico? Metti il verde sul tetto.


Milano, 29 ottobre 2014 – Un viaggio nei condomini di Milano, zona per zona, per aiutarli a risparmiare energia aumentandone al contempo il valore estetico e commerciale. E' il progetto di Habitami, un'iniziativa promossa tra gli altri da Legambiente, col patrocinio del Comune di Milano, che ha messo insieme un network di aziende e professionisti attivi nel settore della riqualificazione energetica con l'obiettivo di dare risposte e proporre soluzioni ai condomini meno "virtuosi" sul piano dei consumi. A tutto vantaggio della bolletta (e dell'ambiente).


Harpo Group, storica azienda triestina leader nell'offerta di soluzioni progettuali per l'ingegneria civile e ambientale orientate al green building, ha aderito subito all'iniziativa con la sua Divisione verdepensile. Sì perché, un orto o un giardino sul tetto può far risparmiare fino al 30% di energia, senza dimenticare il guadagno sul piano estetico. Che i tetti verdi siano energeticamente intelligenti, d'altra parte, lo ha confermato una recente decisione del Ministero dell'Ambiente che prevede sgravi fiscali fino al 65% per chi sceglie il verde pensile, equiparando il green roof a qualsiasi altro intervento di riqualificazione energetica.


"I giardini pensili hanno moltissimi vantaggi, soprattutto in città – spiega Maurizio Crasso, Direttore della Divisione verdepensile di Harpo - Oltre a incrementare il valore dell'immobile, sono una soluzione ottimale per risparmiare energia e fanno bene all'ambiente. Il tutto, a fronte di costi contenuti se pensiamo che un metro quadro di giardino verde con piccole piante può costare tra i 100 e i 120 euro circa. Habitami è una straordinaria opportunità e un'iniziativa meritoria visto che tra pochi mesi Milano ospiterà l'Expo, tutto dedicato al tema dell'ambiente. I giardini pensili in questo contesto assumono ancor più valore perché contribuiscono alla tutela della biodiversità essendo veri e propri micro-habitat".


Ma perché scegliere un tetto verde? Ecco in sintesi i benefici per un condominio:


- Fresco d'estate, caldo d'inverno:  Il verde pensile è l'ideale per mantenere gradevoli le temperature in tutte le stagioni. Le temperature estive favoriscono l'uscita spontanea del calore attraverso il tetto dalla mattina presto alla sera tardi mantenendo gli ambienti piacevolmente freschi. D'inverno invece si sta al caldo perché il verde aumenta la resistenza termica del tetto di circa il 10% aiutando a trattenere il calore.

- Risparmio energetico:  Il risparmio di energia può arrivare fino al 30%.

- Il tetto dura di più: Contrariamente a quanto si pensi, un bel giardino pensile fa durare di più il tempo dell'impermeabilizzazione, perché il manto impermeabile viene protetto dall'escursione termica giornaliera, dal gelo, dai raggi UV e da ogni possibile danneggiamento meccanico.

- Bello e possibile: I costi del verde pensile sono contenuti rispetto ai benefici offerti: circa 70 euro a metro quadrato per fare solo prato verde, tra 100 e 120 euro a metro quadrato per prato verde e piccole piante, circa 200 euro a metro quadrato per prato verde e arbusti. La spesa media per un condominio si aggira intorno ai 30 mila euro e con le detrazioni fiscali si può arrivare a dimezzare il costo.

Di seguito, i vantaggi per l'ambiente:

- Miglioramento del microclima: Riduzione delle emissioni di Anidride   Carbonica.

- Prevenzione allagamenti: Ritenzione idrica che può toccare picchi del 70-90% e conseguente alleggerimento del carico sulla rete di canalizzazione dell'acque bianche rendendo percorribile la strada del riutilizzo delle acque piovane per usi irrigui, previo recupero e filtrazione.

Filtraggio delle polveri (10-20% in meno) e fissaggio di sostanze nutritive dall'aria e dalle piogge.

Protezione dal rumore attraverso minore riflessione ed insonorizzazione delle superfici sommitali.
- Influsso positivo sul clima degli ambienti interni.


Harpo group nasce nel 1897, quando la famiglia di imprenditori triestini Stock inizia a produrre ed esportare in tutto il mondo i cementi Portland. Nel 1963 la società avvia la produzione, nello stabilimento di Trieste, delle finiture per esterni sandtex, completando così la gamma di prodotti per l'edilizia.

Oggi, tramite le sue divisioni, Harpo group offre prodotti e soluzioni progettuali a tutti i problemi che riguardano la decorazione e protezione murale, il restauro ed il risanamento strutturale, l'impermeabilizzazione, l'ingegneria civile ed ambientale, le coperture a giardino pensile e tante altre soluzioni innovative. Un'equipe di architetti, ingegneri e geologi è a disposizione per l'assistenza tecnica in ogni fase del progetto, per permettere ai clienti di essere in grado di fare il miglior uso dei materiali impiegati.


HARPO spa, Via Torino 34, Trieste

Telefono: +39 040 318 6611

Fax: +39 040 318 6666

HYPERLINK "http://www.harpogroup.it" www.harpogroup.it

Da Kreoo i nuovi lavabi Filigrana.



Filigrana, una raffinata raccolta di nuove decorazioni per il bagno Kreoo.


Tre nuove finiture decorative di pregio e forte valore espressivo arricchiscono, come optional, tutti i modelli della collezione Nabhi, il programma bagno di Kreoo estremamente flessibile per forme, misure, materiali e finiture.


Applicabile sul lato esterno di ciotole e lavabi, la raccolta di finiture denominate Filigrana è un universo di sensazioni tattili e di giochi di luce, una seduzione estetico-sensoriale che si esprime con tre motivi decorativi:


Filigrana 1: eleganti bastoncini sparsi in modo apparentemente casuale come in un gioco di Shangai. Un effetto decorativo accennato in modo raffinato, una resa estetica che celebra le proprietà estetiche del marmo.


Filigrana 2: una minuziosa cesellatura ispirata ad alcune lavorazioni a filigrana dell'oro. 
Preziosa e leggermente a rilievo, questa finitura dona movimento e inaspettata morbidezza alle ciotole creando atmosfere estremamente dolci e femminili.

Filigrana 3: un delicatissimo segno classico che richiama l'ornamento di foglie di acanto presente nelle decorazioni vegetali e nei capitelli corinzi dell'architettura della Grecia antica. 


Le tre nuove lavorazioni sono presenti a catalogo e possono essere eseguite come optional su qualsiasi modello e su ogni tipologia di marmo accentuando la forte propensione di Nabhi alla personalizzazione di tutte le sue proposte bagno secondo gusti ed esigenze di una committenza contract o privata.


 

Scheda finitura
Nome finitura: Collezione Filigrana
Design: Enzo Berti
Azienda: Kreoo – Via Duca D'Aosta 17/E – Chiampo (VI) Tel 0444/688311 info@kreoo.com www.kreoo.com



 


Breve descrizione: Applicabile sul lato esterno di ciotole e lavabi di tutta la collezione Nabhi, la nuova raccolta di finiture denominate Filigrana è un universo di sensazioni tattili e di giochi di luce, una seduzione estetico-sensoriale che si esprime in tre raffinati motivi decorativi.

BAMA in rouge | Break e Freska per Natale si vestono a festa! Dress code? Rouge, ça va sans dire!

BAMA in rouge
Break e Freska per Natale si vestono a festa!
Dress code? Rouge, ça va sans dire!


Bama in vista del Natale ha deciso di cambiare il look a due dei suoi prodotti di punta.
Break e Freska da oggi si vestiranno di un rosso intenso per omaggiare e celebrare le feste natalizie che rendono Dicembre uno dei periodi più magici dell'anno.
Babbo Natale, sceso dal camino, troverà latte, biscotti e dolcetti perfettamente conservati in contenitori in pandan con il suo vestito!
La colorazione rossa, limited edition, si va ad aggiungere alle precedenti, rendendo le vostre cucine ancora più colorate ed energiche, per un periodo di affollati pranzi di Natale ed inaspettate cene con gli amici.
Freska è un contenitore realizzato per la conservazione di alimenti (cotti o crudi), dotato di apposita valvola di sfiato, riesce a sopportare temperature da -40 °C a +100°C. 
Può essere utilizzato in frigo per conservare in fresco gli alimenti o in forno a microonde per scongelare o riscaldare cibi precedentemente cotti, è quindi un valido aiuto durante i periodi festivi per scaldare al volo la salsa per la pasta o per mantenere perfetti gli avanzi delle abbondanti cene in compagnia.

 
Break è una soluzione perfetta per gustare un pasto o una merenda dove vuoi e quando vuoi. Il set è composto da due pratici contenitori da 0,75 lt ed uno specifico scomparto per posate e tovaglioli.

Break può essere portato ovunque grazie alle dimensioni ridotte, solo 24x15x10,5h, che lo rendono perfetto per l'ufficio, la scuola, il lavoro... o per qualsiasi altro posto in cui lo vogliate portare! Break è un valido aiuto per scaldare i cibi nel microonde, ma anche per conservarli in frigorifero!

Grazie alla sua composizione bipartita è un'eccezionale soluzione per gustare un pasto completo, con un buon primo piatto e un delizioso contorno precedentemente cucinato, ma può essere anche perfetto per conservare budini, creme caramel o tiramisù di piccole dimensioni, merende gustose e dolci da portare a casa degli amici.



#ENJOYBAMA






UNODIUNO progetta la nuova area Business Lounge per NOVOTEL Milano Malpensa Airport



Novotel Business Lounge : nuovo spazio multisensoriale relax e business

 Novotel Milano Malpensa Airport ha annunciato la realizzazione di Novotel Business Lounge, nuovo spazio multisensoriale relax e business progettato da UNODIUNO.

Gallarate (VA), 29.10.2014. NOVOTEL MILANO MALPENSA AIRPORT ha annunciato la prossima realizzazione all'interno  dell'hotel di un'area lounge attraverso la quale far vivere una piacevole esperienza sensoriale ai propri clienti. L'allestimento prevede un'area attrezzata con divani e complementi d'arredo, grazie alla collaborazione con UNODIUNO, azienda gallaratese produttrice di complementi d'arredo di altissima qualità, espressione dell'eccellenza italiana che realizza tutti i suoi prodotti in maniera sartoriale e con materie prime locali.

Il cliente potrà provare una piacevole sensazione di relax anche grazie all'ausilio di particolari erogatori di profumi e aromi che renderanno l'esperienza unica. Dimenticare lo stress della giornata comodamente seduti su un divano ergonomico, rivestito di lino e lasciarsi guidare da profumazioni naturali coinvolgendo tutti i sensi. L'area sarà inoltre attrezzata anche da un accompagnamento sonoro e luci soffuse.

"Abbiamo costruito intorno ai nostri divani un'esperienza multisensoriale totalmente nuova. Ne è nata una collaborazione entusiasmante con NOVOTEL - ha dichiarato Davide Cotislo, Amministratore Delegato UNODIUNO - capace di trasformare uno straordinario concetto living in un'incredibile opportunità di business per i professionisti dell'architettura e del design".

 "Soddisfare il cliente non è più sufficiente, sorprenderli è il nostro obiettivo. Con questo presupposto la collaborazione con UnodiUno non poteva che essere l'opportunità giusta al momento giusto - ha affermato Ettore Cavallino, Direttore NOVOTEL MILANO MALPENSA AIRPORT. Grazie a questa partnership, reciprocamente vincente puntiamo inoltre ad "aprire" Novotel al territorio ed al suo contesto socio economico".  

NASCENT DESIGN: MENZIONE SPECIALE AL GERMAN DESIGN AWARD 2015 PER IL PROGETTO “CODE” SVILUPPATO PER CALLIGARIS




Nascent Design, brand e design agency milanese specializzata nello sviluppo di progetti di design strategico, ha ricevuto una menzione speciale al German Design Award 2015 nella categoria "Corporate and Brand Design" per "CODE", il progetto nato dalla collaborazione con Calligaris.

Tra i più importanti riconoscimenti a livello internazionale, con partecipazione su invito, il German Design Award premia le eccellenze del design: prodotti, progetti o persone che si sono contraddistinti per la loro capacità innovativa e hanno dimostrato di saper cogliere le tendenze del futuro. 

Caratteristiche che si rispecchiano profondamente in CODE un "incubatore" di progetto in cui giovani e talentuosi designer si sono messi in gioco per creare una collezione unica di complementi d'arredo capaci di sorprendere e di rispecchiare le nuove tendenze del mercato e della creatività. Un progetto che testimonia la crescita del brand Calligaris ed è frutto del più ampio processo di riposizionamento del brand affidato a Nascent Design già nel 2013.

Nascent Design, forte del suo approccio strategico ha in prima istanza definito il concept complessivo di CODE e ha poi affiancato l'azienda in una attività di design strategy volta ad individuare i designer con cui collaborare e le tipologie di oggetti da realizzare. Ha poi creato l'immagine coordinata il cui logo, con la sua tipografia tridimensionale e materica, rimanda al concetto di oggetto e richiama l'universo dei complementi d'arredo.

"CODE è un progetto molto interessante e complesso, sviluppato con un approccio innovativo che vede il design non solo come semplice strumento di valorizzazione estetica del prodotto, ma come visione ampia di design thinking" - ha commentato Max Bosio, fondatore e Direttore Creativo di Nascent Design - "Siamo quindi veramente contenti che proprio CODE abbia ottenuto un riconoscimento così prestigioso come la menzione speciale al German Design Award 2015. Un riconoscimento che deve essere condiviso con Calligaris che, come Nascent, ritiene che mentalità creativa e design thinking sono due delle principali leve per creare valore nelle aziende di oggi" 
"Ricevere una menzione speciale al German Design Award 2015 è per noi motivo di grande orgoglio e siamo felici di poter condividere questo riconoscimento con Nascent e tutto il suo team con il quale abbiamo lavorato e dato vita a questo progetto seguendo il percorso di evoluzione del brand iniziato già nel 2013"  ha commentato Andrea Bocchiola, Direttore Marketing di Calligaris  "La direzione creativa di Max Bosio ha sicuramente colto lo spirito di Calligaris creando un progetto dalla forte attitudine "smart" seguendo la grande tradizione del design italiano e la filosofia che caratterizza il nostro brand"

La cerimonia di premiazione si terrà a Francoforte il 13 febbraio 2015.
La menzione speciale al German Design Award è il quarto riconoscimento internazionale che Nascent Design ha ottenuto in meno di un anno.

Questo premio si aggiunge agli altri prestigiosi riconoscimenti già ricevuti in precedenza: l'Iconic Award 2014, una menzione speciale al German Design Award nel 2014, il GOOD DESIGN Award e l'iF Packaging Design Award nel 2013, il Red Dot Design Award nel 2012 e 2013.

martedì 28 ottobre 2014

MADE expo e INTERNI insieme per far conoscere il futuro dell'architettura


 

PER LA PRIMA VOLTA CONSULTABILI ONLINE I PROGETTI IN PROGRAMMA DA OGGI AL 2018.

"Architecture work in progress WorldWide 2014 and beyond", una delle più complete panoramiche sui grandi studi di architettura e i loro progetti internazionali, da questa settimana sarà consultabile online grazie alla collaborazione fra la rivista INTERNI e MADE expo, la fiera internazionale dell'architettura d'interni e dell'edilizia in programma a Milano dal 18 al 21 marzo 2015.

Registrandosi sul sito www.madeexpo.it sarà possibile conoscere oltre 100 opere di 50 studi di architettura mediante un bloc-notes digitale al cui interno si troveranno: luogo, superficie, volume, costo, tipologia, data di inizio e fine lavori, committenza, architetti, team, consulenti, imprese, materiali, sistemi energetici attivi e passivi, elementi di ricerca tecnologica e innovazione. Uno strumento innovativo per conoscere competenze, responsabilità e strumenti previsti per raggiungere l'obiettivo, sia che si tratti di progetti di spazi urbani e centri commerciali sia che si stia parlando di migliaia di metri quadrati a uso misto: residenze, uffici, negozi e spazi ricreativi con tetti a giardino e percorsi sospesi, torri, musei, teatri, campus.

«La collaborazione con INTERNI conferma ancora una volta il ruolo di MADE expo come punto di incontro ideale per sviluppare idee e occasioni di business in un contesto di qualità, innovativo e dinamico», spiega Giovanni De Ponti, amministratore delegato MADE expo.

Milano, 28 ottobre 2014

 

 

UFFICIO STAMPA e
COMUNICAZIONE

Foro Buonaparte 65
20121 Milano
T_+39 02 80604 629
F_+39 02 80604 392
press@madeexpo.it

 

lunedì 27 ottobre 2014

Nuove lampade TIME LIGHT NODIS, quando il design è eco sostenibile


Multifunzionali e con forme intriganti, per un arredo originale ed eco-friendly



Nodis amplia la linea delle Time Light, innovative lampade che "brillano" per  la sostenibilità e per il design marcato e di effetto, ideato per stupire e risaltare in qualsiasi ambiente. 


Adatte sia ad un arredo caldo e tradizionale, sia ad uno moderno e minimalista, le nuove Time Light di Nodis sono eco-friendly grazie ai LED, che garantiscono un'ottima illuminazione ed un basso consumo. 


Tutte flessibili e rotabili, hanno comandi touch per regolare con un dito le multifunzioni di cui sono dotate.

NT-L06 è una lampada LED multifunzione, con orologio, sveglia e funzione snooze. 


Eco friendly, ha comandi touch e cinque livelli di luminosità. 


La struttura pieghevole e il design biassiale la rendono moderna e comoda da posizionare in ogni parte della casa.  


Il basso consumo energetico garantisce un risparmio fino all'80% rispetto alla classica lampada ad incandescenza. 


Realizzato in ABS e metallo, ha colore nero con riflessi lucidi argentati e dimensioni 195x195x480 mm. 

 

Prima di uscire ed affrontare la città è sempre meglio conoscere la temperatura: una rapida occhiata al termometro della lampada Nodis NT-L07 e non si sbaglierà abbigliamento. 


Provvista anche di orologio, sveglia e calendario, è completamente touch ed è dotata dell'advanced luminous technology che garantisce antiriflesso e una luce morbida, regolabile in cinque differenti livelli. 


Pieghevole sui due assi, ha rotore in acciaio inox, e design bianco e lineare. Le dimensioni sono di 145x145x330 mm e 691 grammi di peso.


Oltre che una lampada, NT – L08  è un orologio - sveglia con due display retroilluminati, controllabili con un touch. 


La luminosità è regolabile ed uniforme, in modo da offrire un ambiente sempre confortevole e soft. 


Morbida e di color bianco lucido, la lampada ha una base che può rotare orizzontalmente fino a 350°, un braccio che ruota verticalmente di 130° ed uno portante che raggiunge i 115° di rotazione. 


Il risparmio energetico è garantito dai 60 LED, mentre la cornice in lega di alluminio è stata ideata per la dissipazione del calore. 


Grazie alla funzione autosleep ci si può anche addormentare mentre si legge un libro: la lampada si spegnerà dolcemente e non resterà accesa tutta la notte. 


Ha dimensioni di 180x180x430mm

 
Un design morbido per la lampada NT – L 10, con un corpo fluido che si allarga alla base. 


Ecofriendly, ha funzione orologio, sveglia, calendario e termometro. 


Con una semplice pressione del dito sul display si possono controllare i 5 livelli di luminosità mentre la flessibilità estrema permette di regolare il raggio luminoso fino ad un'ampiezza di 360°.   


 Le dimensioni sono di 147x134x505mm




Una proposta per sostenere i consumi nazionali: IVA agevolata per l'acquisto di arredo per le giovani coppie

La proposta che le imprese di FederlegnoArredo hanno consegnato all'Intergruppo alla Sussidiarietà nel corso del tour "Viaggio nell'Italia che riparte"

Un tour attraverso il territorio nazionale con lo scopo di valorizzare le realtà industriali che hanno saputo coniugare la sfida per la ripresa e lo sviluppo economico del Paese con la sostenibilità e la valorizzazione del territorio. È questo l'obiettivo del "Viaggio nell'Italia che riparte", iniziativa organizzata dall'Intergruppo Parlamentare per la Sussidiarietà, che il 27 ottobre ha visitato il distretto industriale del Legno e dell'Arredo di Monza e Brianza, uno dei più significativi sistemi produttivi territoriali italiani, con oltre 8.000 aziende che rappresentano il 7% del numero di imprese italiane del Legno-Arredo e il 6% dei relativi addetti.

Meta del tour sono tutte quelle imprese italiane che hanno saputo creare integrazioni virtuose con il territorio e nuove opportunità: la tappa è iniziata con le visite allo stabilimento Riva 1920 a Cantù e del Poliform Lab di Inverigo. Un momento di confronto con le aziende per individuare politiche mirate a sostegno della competitività e della sostenibilità da far confluire in un Disegno di Legge, di iniziativa dell'Intergruppo, che verrà presentato a conclusione del viaggio.

"Con l'inserimento del provvedimento "bonus mobili" nella legge di stabilità le istituzioni italiane hanno raccolto l'invito delle imprese a sostenere i consumi interni per riattivare il sistema economico. Non un incentivo a pioggia, ma una misura fiscale capace di innescare un meccanismo virtuoso nel sistema produttivo. La nostra proposta si è rivelata una misura fiscale in grado di favorire la lotta alla disoccupazione, di sostenere un settore cruciale del Made in Italy, garantendo allo Stato un consistente e immediato gettito IVA" ha ricordato il Presidente di FederlegnoArredo, Roberto Snaidero, a margine dell'incontro "Viaggio nell'Italia che riparte. Il saper fare che compete nel mondo", tenutosi presso il Polo Formativo del Legno arredo, voluto da FederlegnoArredo in collaborazione con Aslam (Associazione Scuole Lavoro Alto Milanese) e finalizzato a rispondere al fabbisogno formativo e occupazionale delle imprese della filiera attraverso una proposta formativa capace di riavvicinare al mestiere i giovani del territorio brianzolo.

"È in questa direzione che va la proposta che oggi le aziende di FederlegnoArredo hanno consegnato all'Intergruppo alla Sussidiarietà: diminuire l'aliquota IVA per l'acquisto di arredo per le giovani coppie e i nuclei monogenitoriali con figli minori. In Italia le giovani coppie rappresentano circa il 10% delle famiglie italiane, pari a circa 2,5 milioni di nuclei familiari, e assorbono oltre il 15% dei consumi d'arredamento. Oggi, in Italia l'aliquota IVA sugli arredi è del 22%, un valore ben al di sopra della media dei Paesi europei, dove l'IVA per i mobili gira attorno a un intervallo compreso tra il 6% e il 10% (Spagna, Francia, Belgio). Il provvedimento rappresenterebbe il logico completamento dei provvedimenti dedicati alla casa varati in questi mesi dal Governo, e potrebbe dare un ulteriore contributo al sostegno dei consumi nazionali".

Milano, 27 ottobre 2014

Logotel: reare innovazione passando dal Thinking al Making Service Design


Nel suo intervento al Design Forum di Milano, Cristina Favini punta sull'importanza di accompagnare Cliente fino in fondo: "L'obiettivo di una service design company come Logotel è quello di accompagnare le imprese al salto culturale insito in ogni progetto di cambiamento".



"Un progetto deve rispondere alle reali esigenze delle persone che usano il servizio e dell'impresa che lo promuove e va gestito in tutte le sue fasi: prodotti, servizi, esperienze sono come 'storie' che si sviluppano, hanno bisogno di continui adattamenti, di nuove infrastrutture, di contenuti, di persone che li fanno accadere". 

Nel suo l'intervento all'interno della prima edizione del Design Forum, organizzato a Milano da Comunicazione Italiana, Cristina Favini, Strategist e Manager of Design di Logotel, illustra come si sta evolvendo il design in un mondo in continua trasformazione: "Se prima ci concentravamo molto sulla parte iniziale del progetto, oggi è necessario seguirlo fino in fondo. Per questo la differenza è tra progettare Service Design e farlo. 

Molti servizi innovati falliscono perche non è stato progettato l'ultimo miglio, oppure perché le persone che dovrebbero farlo funzionare non sono stati coinvolti o formati. Progettare servizi porta inevitabilmente a un'innovazione di sistema e complessa".

Per queste ragioni Logotel, che da 20 anni accompagna le imprese nel cambiamento, è convinta che il ruolo del designer sia in trasformazione. Oggi l'innovazione è di chi riesce a incrociare persone, discipline, punti di vista, strumenti e canali differenti. Le nuove parole d'ordine sono diventate contaminazione e ibridazione. Spiega ancora Cristina Favini: "Quando un'impresa mette in piedi un progetto ha ancora la tendenza a concentrarsi sul "cosa", se costruire, ad esempio, un nuovo canale di vendita o una nuova app, rischiando così di perdere per strada il senso del progetto. Bisogna invece recuperare la capacità di interrogarsi sul 'perché', sul reale valore che si offre alle persone. Un servizio per essere tale deve essere utile a qualcosa, di conseguenza bisogna puntare sulla creazione di valore nello scambio tra noi e le persone".

Nel suo intervento Cristina Favini ha presentato l'approccio usato da Logotel, che prevede, nella fase iniziale di un progetto, la cosiddetta "decision" ossia aiutare le aziende a prendere una decisione, cercando di capire cosa sta accadendo fuori e al loro interno ed esplorando le possibili opzioni di futuro. C'è poi la seconda fase del "design" dove si passa a disegnare il servizio e come farlo accadere nell'ecosistema dell'impresa, fino ad arrivare all'ultima, quella del delivery. "Ma non basta: il servizio va sostenuto quando è in erogazione– continua Cristina Favini - è la capacità di mantenere sempre vivo e aggiornato il progetto, tenendo presente che ormai un'impresa o organizzazione e suoi clienti interagiscono quotidianamente con mille sollecitazioni. 

Oggi per prenotare un viaggio si può scaricare un app, telefonare, andare sul sito, recarsi in un'agenzia, tutti punti che un'azienda deve aggiornare velocemente, creando collegamenti e sinergie tra di loro. Inoltre come progettisti sappiamo quanto sia importante avere una visione periferica e la capacità di sviluppare la cura dei dettagli. In questa direzione sono tante le domande a cui va data una risposta: ad esempio, siamo certi che un rivenditore sia capace di valorizzare il prodotto e i suoi contenuti di servizio? Che sia in grado di raccontarne la differenza? E l'azienda, dal canto suo, è sicura che il suo potenziale consumatore quando andrà a cercare il prodotto/servizio su Google capirà di fatto quali sono gli elementi che gli semplificano la vita?".

Tutto questo significa passare dal Thinking Design al Making Service Design dove diventa fondamentale "Progettare anche la trasformazione all'interno dell'impresa perché se non portiamo a bordo le persone che stanno dietro i servizi, un progetto non riesce a mantenersi nel tempo. Le persone devono condividere il senso delle iniziative, sono impegnate a costruirsi nuovi ruoli, nuove competenze, se non vengono sintonizzate, il nostro progetto anche se bello esteticamente, non funzionerà mai. L'obiettivo di Logotel è proprio quello di accompagnare questo salto culturale. Il nostro lavoro è di mettere la nostra capacità di progettisti al servizio del cliente per aiutarlo a capire se il progetto che ha in testa è sostenibile nel tempo".

Logotel è la service design company che progetta e accompagna la trasformazione delle imprese in modo collaborativo. Con un team composto da oltre 130 persone, ha sede a Milano nei 2.000 mq di spazi dell'ex stabilimento Faema. L'azienda ha all'attivo 50 clienti e insieme a loro sta sviluppando oltre 70 progetti. Nel 2013 Logotel ha coinvolto oltre 5.000 persone in progetti formativi; ha progettato e gestisce inoltre 29 social e business community che ogni giorno mettono in connessione ed erogano servizi e contenuti a più di 60.000 persone.

Natale 2014: una breve guida sull'uso corretto del tovagliolo a tavola


TENDERLY:   
GUIDA PER SOPRAVVIVERE AL NATALE

Tenderly insieme all'Accademia Italiana del Galateo ha stilato 9 regole d'oro per il corretto utilizzo del tovagliolo a tavola durante i pranzi e le cene di Natale.

Se per alcuni il Natale è un momento magico da trascorrere in famiglia, per la maggior parte degli italiani è tutt'altro che un periodo rilassante. Il momento peggiore? L'aumento di pranzi e di cene sempre più impegnative da organizzare e da presenziare.
Per onorare questa festività almeno nella forma e sopravvivere alla convivenza forzata della tavola di Natale, Tenderly, il famoso marchio di prodotti per l'uso domestico di Lucart Group, presenta la linea di tovaglioli "Duo Prestige", i nuovi tovaglioli bivelo di colore rosso pensati per occasioni speciali e, con l'aiuto dell'Accademia Italiana del Galateo, ha stilato una breve guida per il corretto utilizzo del tovagliolo a tavola.  
Per evitare ansie da prestazione e sfoggiare le doti dell'ospite perfetto, senza violare i principi delle buone maniere, ecco le 9 regole d'oro stilate da Tenderly per il corretto utilizzo del tovagliolo a tavola:
1.    Quando ci accomodiamo a tavola, il tovagliolo va posto in grembo prima di cominciare il pasto. Non va aperto completamente ma lo si piega in modo da creare un rettangolo e lo si appoggia sulle ginocchia, posto dove starà per tutta la durata del pasto. Mettere il tovagliolo sulle gambe è un gesto di cortesia che si fa alle persone con cui si sta mangiando per non infastidirle con la sua vista il vicino. Molti, infatti, non provano piacere vedendo il tovagliolo sporco di un commensale.
2.    E vietato annodare il tovagliolo al collo o tenerlo con la mano sul petto per non sporcarsi. Vietato anche utilizzarlo per pulire posate o bicchiere
3.    Il tovagliolo si usa per pulirsi la bocca, premendolo sulle labbra, prima di bere e dopo aver bevuto.
4.    Il tovagliolo si utilizza con la mano sinistra in quanto inoperosa quando si beve.
5.    La cosa più corretta è usare solo la parte interna del tovagliolo, ripiegandolo velocemente e con cura prima di rimetterlo sulle gambe; questa norma ha chiaramente un valore funzionale, perché da un lato permette di nascondere eventuali tracce di cibo e dall'altro di non sporcare né i nostri abiti né la tovaglia.
6.    Per le signore attenzione al rossetto, vietato lasciare macchie sul tovagliolo e sul bordo del bicchiere
7.    Quando apparecchiamo, il tovagliolo va messo alla sinistra del piatto e delle forchette.
8.    Assolutamente vietato sbizzarrirsi in piegature originali e ardite, il bon ton prevede al contrario che il tovagliolo sia piegato a forma quadrata e triangolare, meno si maneggia e maggiore sarà la garanzia di igiene
9.    Una volta finito il pasto, il tovagliolo non va ripiegato ma sistemato alla sinistra del piatto.
Il decalogo è disponibile sui siti www.lucart.it e www.accademiaitaliangalateo.it



Lucart Group

Lucart Group, gruppo  multinazionale a capo del quale si trova Lucart spa, azienda nata in provincia di Lucca nel 1953, è tra i principali produttori a livello europeo di carte monolucide e prodotti tissue (intendendo per tissue gli articoli in carta destinati al consumo quotidiano come carta igienica, carta per cucina, tovaglioli, tovaglie, fazzoletti etc.). Gli oltre 60 anni di esperienza hanno permesso all'azienda di sviluppare il know-how, l'esperienza e la tecnologia necessari per realizzare prodotti di qualità in grado di rispondere al meglio alle esigenze della clientela. Gli impianti produttivi nei vari stabilimenti del Gruppo consentono di realizzare un'ampia gamma di prodotti avendo il controllo su tutte le fasi del processo produttivo, dalla scelta delle materie prime alla definizione delle caratteristiche del prodotto finito. La capacità produttiva di carta di Lucart Group è superiore a 340.000 tonnellate/anno, ripartita su 11 macchine continue (di cui una per carta airlaid) e 59 linee di converting. Le attività produttive dell'azienda sono distribuite su 3 Business Unit (Business to Business, Professional e Consumer), impegnate nello sviluppo e nella vendita di diversi brand tra cui Tenderly, Tutto, Grazie Natural Lucart e Smile (area Consumer), Lucart Professional, Tenderly Professional, Fato, Velo e Hygenius (area Professional) ed includono prodotti nati per soddisfare le esigenze di diverse tipologie di utenza, dalla grande impresa al consumatore finale. Il fatturato consolidato è di circa 450 milioni di euro e le persone impiegate sono circa 1.400, 7 gli stabilimenti produttivi (5 in Italia e 2 in Francia) con una superficie totale superiore ad un milione di m2. Lo stabilimento di Diecimo (Lucca) è uno dei più grandi stabilimenti europei dedicati alla produzione e trasformazione di carta tissue.Lucart rappresenta da sempre una realtà fortemente orientata all'innovazione ad esempio è stata la prima azienda italiana ad aver sviluppato la tecnica della disinchiostrazione dei maceri per la produzione di carta tissue e monolucida sottile per imballaggi flessibili. Abbiamo sviluppato il primo impianto in Italia in grado di recuperare le fibre di cellulosa presenti nei contenitori Tetra Pak, un progetto eco-rivoluzionario che ci ha permesso di ottenere una carta di ottima qualità nel pieno rispetto dell'ambiente. La qualità dei prodotti ed il rispetto dell'ambiente sono da sempre alla base delle nostre scelte strategiche, ne sono esempio le varie certificazioni conseguite come Ecolabel (siamo stati la prima azienda italiana del settore tissue), PEFCTM, FSC®, UNI EN ISO 9001 e 14001 ecc... Lo stabilimento di Diecimo rappresenta una delle prime strutture industriali integrate a livello europeo per la produzione di carta tissue (cartiera e converting nello stesso sito) ad aver ottenuto la registrazione ambientale EMAS.
Accademia italiana galateo

"Conosci le regole per divertirti ad infrangerle".
E' questo il motto dell'Accademia Italiana delle Buone Maniere, Galateo e Costume, associazione culturale senza scopi di lucro con sede a Roma e unica nel suo genere.
L'Accademia nasce dall'esigenza di creare un luogo di conoscenza e di incontro per lo studio delle Buone Maniere, del Galateo e del Costume nei suoi vari aspetti sociali, storici, antropologici e comportamentali.
L'Accademia si afferma come voce indipendente, consapevole e puntuale su quanto accade nella nostra società, dove "il Saper Vivere" viene spesso ribaltato e ancor peggio i media e la tv pretendono di insegnarlo con una disciplina sterile, snob e classista. Perché Buone Maniere non significa solo non appoggiare i gomiti sul tavolo, ma significa soprattutto sapersi destreggiare in ogni situazione avendo anche la capacità di ribaltare a proprio favore le situazioni più scomode, ma soprattutto avere la capacità di saper mettere a proprio agio chi abbiamo di fronte.
Il tutto però avendo le conoscenze per saperlo fare perché….. "conosci le regole per divertirti ad infrangerle".
Buone Maniere vuol dire trovarsi a proprio agio in qualsiasi ambiente sociale, riuscire ad essere disinvolti e sicuri di sé nei rapporti con gli altri. In una definizione, significa sapere cosa fare, come farlo e quando.
L'Accademia seguirà con attenzione e occhio critico le vicende culturali, sociali e di attualità.

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *